Roku: “così lo streaming rivoluzionerà le pubblicità televisive”

5 mesi fa

Secondo la dirigente di Roku Alison Levin, i servizi di streaming si preparano a rivoluzionare una volta per tutte il mondo delle pubblicità televisive, cannibalizzando l’attuale mercato ancora dominato dalle reti televisive tradizionali e dai programmi in diretta.

Roku è un’azienda leader nella produzione di device per il consumo di contenuti in streaming. Il primo prodotto è stato realizzato nel 2008 in collaborazione con Netflix. Nel frattempo l’azienda ha sfornato decine di prodotti che vanno dai dongle per i vecchi televisori, a decoder e vere e proprie Smart TV – sia proprietarie, sia di terze parti ma brandizzate ‘Certified by Roku’.

Roku negli USA ha anche un suo canale con contenuti originali e altri film e serie TV prodotte da terze parti. È gratuito grazie alla presenza di alcune interruzioni pubblicitarie tra una riproduzione e l’altra.

Oggi i principali inserzionisti raggiungono gli spettatori tenendo a mente solo due fattori: età e genere. Si tratta di una targhettizzazione piuttosto limitata, specie se la si confronta con quello che sono in grado di fare gli inserzionisti online – con costi molto più bassi. Secondo Roku il futuro della pubblicità passa dallo streaming e dalla capacità da parte di piattaforme e smart TV di raccogliere molti più dati degli utenti, ottenendo una targhettizzazione estremamente precisa.

A Marzo l’azienda ha acquistato il video advertising business di Nielsen.

Una delle cose più potenti dello streaming è che sei sempre in grado di trovare l’audience giusta al momento giusto. È la ragione che vede Google e Facebook in una posizione così forte. La TV lineare oggi non ha la possibilità di fare inserzioni personalizzate

ha spiegato Alison Levin. Roku, proprio grazie alla recente acquisizione, vuole cambiare questo aspetto rivoluzionando l’intero mercato.

Un altro importante vantaggio, che Roku vuole portare sulla TV tradizionale, è la capacità dei servizi di streaming di monitorare in tempo reale le performance di ogni prodotto d’intrattenimento.

Non c’è più bisogno di attendere i dati d’ascolto per settimane… ora è possibile sapere in tempo reale cosa vogliono gli spettatori e agire di conseguenza.

Secondo un report della Deutsche Bank, Roku probabilmente non riuscirà a portare le pubblicità dinamiche sulla TV lineare nell’immediato, ma sul lungo periodo ha la possibilità di diventare uno dei più importanti player nel mercato pubblicitario americano.

 

 

Quibi è morto, ma cosa ne sarà del suo catalogo?
Quibi è morto, ma cosa ne sarà del suo catalogo?
Sky Online TV Box
Sky Online TV Box
Google Chromecast: Tutto quello che dovete sapere
Google Chromecast: Tutto quello che dovete sapere
Google Chromecast: Tutto quello che dovete sapere
Google Chromecast: Tutto quello che dovete sapere