Amazon, alcuni autisti spengono le app di sicurezza

5 mesi fa

Amazon

La vostra azienda vi chiede risultati esorbitanti in un orario di lavoro definito di otto ore? Solitamente questo scenario si traduce in una quantità di straordinari non retribuiti tale da considerarsi un lavoro part-time. Le aziende di consegne subappaltate da Amazon si sono trovate in una situazione non troppo dissimile e hanno istruito i propri autisti perché questi operassero parzialmente sottobanco.

Non si tratta, in questo caso, della quantità di lavoro portato avanti, bensì della qualità. Ogni vettura delle Delivery Service Partners (DSP) è infatti dotata di un sistema di sicurezza, la Mentor app, che monitora la qualità di guida del conducente. Più uno guida rispettando le regole, più bonus riceve.

Muovendosi in uno sfocato confine tra la disperazione e la truffa, alcuni manager DSP hanno imposto alle proprie flotte di mantenere disattivato il sistema in questione per buona parte dell’orario di lavoro. Alcune specificavano persino che l’apparecchio sarebbe dovuto rimanere acceso precisamente due ore al giorno. Né più, né meno.

In pratica, gli autisti dovevano lasciare accesa l’app di Amazon quanto basta per convincerla di avere a che fare con professionisti solerti attenti, spegnerla e quindi sgasare follemente per cercare di rientrare nel numero di consegne previste dalla Big Tech, la quale, secondo ad alcune testimonianze, avrebbe standard tanto meccanici da essere inverosimili.

Sarà mica che Amazon abbia deciso di integrare le videocamere di sorveglianza perché consapevole di questo trucchetto?

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Amazon crea l'AmaZen, uno sgabuzzino in cui i dipendenti si possono rinchiudere
Amazon crea l'AmaZen, uno sgabuzzino in cui i dipendenti si possono rinchiudere
Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sostiene che nessun dipendente urini nelle bottiglie e Twitter risponde con foto
Amazon sostiene che nessun dipendente urini nelle bottiglie e Twitter risponde con foto
Amazon, molla uno dei vicepresidenti: "licenziare chi protesta? È da codardi"
Amazon, molla uno dei vicepresidenti: "licenziare chi protesta? È da codardi"