Ransomware, la polizia di Washington è sotto scacco

2 anni fa

jigsaw-ransomware

La polizia di Washington DC è in una pessima posizione: dei cybercriminali sono entrati nei sistemi del dipartimento e hanno carpito una quantità ignota di dati sensibili, spingendo ora spietatamente per una strategia ransomware d’alto profilo. Se le forze dell’ordine non cederanno, gli hacker hanno promesso infatti di pubblicare i nomi degli informatori infiltrati nelle gang.

Non si tratta peraltro di una minaccia vana. Le stesse forze dell’ordine hanno ammesso che i propri server siano stati attaccati, mentre online è comparsa una prima tranche dei contenuti trafugati. A essere finti sul web sono alcuni screenshot rappresentanti una lista di 250GB di contenuti, dati che riporterebbero i nominativi dei detenuti, ma anche quelli dei sospetti da tenere d’occhio.

Alla polizia è stata concessa una deadline di tre giorni per soddisfare le richieste degli attentatori, tre giorni che l’FBI userà certamente per cercare di venire a capo dell’attacco ransomware. Il dipartimento di Washington DC non è, peraltro, il primo a essere vittima di un simile approccio e segue a ruota quelli di Presque Isle e Azusa, rispettivamente in Maine e in California.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Il nuovo pericoloso ransomware Magniber è stato segnalato anche da Singapore
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
Un ransomware bersaglia Trenitalia, ferme le biglietterie
REvil: la Russia avrebbe distrutto il gruppo hacker
REvil: la Russia avrebbe distrutto il gruppo hacker
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
REvil ripagato con la sua stessa moneta: hackerato il gruppo ransomware
L'attacco hacker alla Regione Lazio
L'attacco hacker alla Regione Lazio
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
Ransomware, anche JBS ha infine pagato un riscatto
DarkSide: gli hacker sono scomparsi, ma senza pagare gli affiliati
DarkSide: gli hacker sono scomparsi, ma senza pagare gli affiliati