Fukushima e l’acqua contaminata della centrale nucleare, al via il riversamento nell’oceano

297
2 anni fa

Il Giappone ha confermato che nei prossimi anni riverserà nell’oceano pacifico l’acqua contaminata della centrale nucleare di Fukushima. Parliamo dell’acqua usata per raffreddare i reattori, oltre un milione di tonnellate, e che era stata conservata in enormi serbatoi nel corso di questi anni.

L’annuncio del Governo giapponese è stato accolto con estrema freddezza dai Paesi limitrofi ed ha suscitato forti reazioni da parte di alcune fazioni del mondo ambientalista.

Il Governo della Corea del Sud ha convocato l’ambasciatore giapponese per ottenere maggiori delucidazioni, mentre il Ministro degli Esteri della Cina ha usato parole estremamente forti sostenendo che l’operazione sia stata pianificata

senza riguardo per i dubbi e l’opposizione interni ed esteri. Un approccio estremamente irresponsabile e gravemente dannoso per la salute e la sicurezza pubblica internazionale e gli interessi vitali delle persone dei Paesi vicini

Le tempistiche: le operazioni di riversamento in mare non inizieranno prima di due anni da oggi. Difficilmente il Giappone riuscirà a smaltire completamente i serbatoi di acqua contaminata in meno di dieci anni.

In queste ore sono circolate molte fotografie delle proteste degli ambientalisti che sostengono che il riversamento dall’acqua possa avere un forte e dannoso impatto sull’ecosistema. Contestualmente, i social sono stati bombardati da video altamente virali che ingigantiscono – e di molto – il problema, accompagnando la notizia con toni apocalittici. In realtà, molto verosimilmente, gran parte delle preoccupazioni sono infondate e andrebbero largamente ridimensionate.

 Il trattamento delle acque radioattive

Il Governo ah promesso che intraprenderà «ogni misura necessaria per garantire la sicurezza dell’operazione e il trattamento delle acque, affrontando allo stesso tempo la campagna di disinformazione nata in queste ore».

Prima di farsi un’opinione affrettata sulla scelta del Giappone è importante capire che l’acqua, dopo essere stata sparata sui reattori per scongiurare il mealtdown, viene immediatamente inviata all’interno di un potente sistema di filtraggio – chiamato ALPS – in modo da rimuovere ogni singolo materiale radioattivo con un’unica eccezione: il trizio, un isotopo che in piccole dosi non è assolutamente dannoso per la salute ed è presente in natura nell’oceano.

Attualmente il Giappone ha già accumulato 1,25 milioni di tonnellate di acqua contaminata, conservata in oltre 1.000 serbatoi. Il Paese, dovendo continuare le operazioni di messa in sicurezza di ciò che rimane della centrale di Fukushima, accumula acqua contaminata ad un tasso di circa 170 tonnellate al giorno.

Non esiste nessun rischio associato al rilascio di quest’acqua ha spiegato Gerry Thomas, a capo del dipartimento delle patologie molecolari dell’Imperial College. «Il trizio non è dannoso nemmeno se viene ingerito».

 

 

Bill Gates e la sua prima Centrale Nucleare in costruzione
Bill Gates e la sua prima Centrale Nucleare in costruzione
Fukushima: la Corea del Sud ha da ridire sul riversamento
Fukushima: la Corea del Sud ha da ridire sul riversamento
Nuovi studi indicano la Russia come luogo di provenienza della nube radioattiva rilevata nel 2017 in Europa
Nuovi studi indicano la Russia come luogo di provenienza della nube radioattiva rilevata nel 2017 in Europa
After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
Scienza o democrazia?
Scienza o democrazia?
Il Giappone costruirà un muro di ghiaccio per arginare le radiazioni di Fukushima
Il Giappone costruirà un muro di ghiaccio per arginare le radiazioni di Fukushima
Tokyo Rising
Tokyo Rising

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.