Lol: Lillo si difende dall’accusa di aver copiato uno sketch dall’edizione tedesca

360
4 settimane fa

Lol Lillo

Lillo Petrolo, noto anche per i suoi numeri comici al fianco di Greg, è stato accusato di aver copiato uno sketch da un comico che ha partecipato all’edizione tedesca del programma Lol – Chi ride è fuori. In realtà il numero presentato dal concorrente straniero è stato inventato dal Mago Lioz, di conseguenza già di per sé la segnalazione partita dagli utenti dei social e poi raccolta da Selvaggia Lucarelli non ha senso di esistere. 

L’attore, durante un’intervista con il Corriere Della Sera, si è difeso bene, affermando che l’omaggio a Mago era dichiarato e mettendo a tacere le polemiche:

Quel numero non è mio e nemmeno del concorrente tedesco, ma del mago Lioz, come dichiaro anche all’inizio dello sketch, mostrando anche un finto biglietto che mi avrebbe consegnato lui, in quanto suo adepto. Insomma, ho subito dichiarato l’autore. Ad ogni modo, il concetto di Lol è far ridere gli altri, non necessariamente con cose del proprio repertorio.

Gli autori ci hanno solo messi in condizione di fare tutto quello che volevamo per far ridere. E quindi, dicendo che volevo fare Posaman, mi hanno fatto trovare il costume. È stato naturale parlare delle cose che avremmo voluto proporre e loro hanno fatto il possibile per assecondarci. Ma sono stati i primi a dirci che non dovevamo fossilizzarci sulla questione che fosse tutto repertorio nostro. Davvero, è un gioco, non una esibizione personale. Io, ad esempio, avrei voluto fare anche le pose di Zoolander, non ci vedo niente di strano.

Per quanto riguarda il successo ottenuto con Lol e il rapporto con gli altri comici, Lillo ha dichiarato:

Non mi aspettavo assolutamente di entrare addirittura nel costume. La frase ‘So’ Lillo’ ha invaso l’Italia. In questo momento c’era davvero bisogno di una ventata di divertimento. Banale dirlo, ma è così.

La pura verità è che il programma non sarebbe riuscito così se non fosse nato un bel rapporto tra noi. Questa cosa non la puoi fingere, se lo fai si vede. Resto convinto che la cosa che ha realmente funzionato è aver riproposto quel clima di cazzeggio che si crea quando un gruppo di amici si ritrova a casa… qualcosa che manca talmente tanto alla gente che ha trasformato lo show in un successo enorme.”

Pare, tra l’altro, che anche lo sketch di Elio vestito da Gioconda fosse già stato fatto in passato in altre edizioni dello show, ma, dopo aver letto le parole di Lillo, possiamo constatare che non c’è nulla di male in questo.

 

Potrebbe interessare:

 

Amazon Alexa: LOL è replicato dall'assistente vocale
Amazon Alexa: LOL è replicato dall'assistente vocale
LOL: Chi ride è fuori - ecco le scene mai viste e l'Aftershow
LOL: Chi ride è fuori - ecco le scene mai viste e l'Aftershow
LOL: Chi ride è fuori, Amazon annuncia la seconda stagione
LOL: Chi ride è fuori, Amazon annuncia la seconda stagione
LOL: Chi ride è fuori 2 - I concorrenti che vorremmo vedere nella seconda stagione
LOL: Chi ride è fuori 2 - I concorrenti che vorremmo vedere nella seconda stagione
League of Legends: il videogame diventerà un fumetto
League of Legends: il videogame diventerà un fumetto
Samsung porta l'eSport Palace al Lucca Comics & Games
Samsung porta l'eSport Palace al Lucca Comics & Games
University Esports Series, una competizione per gli studenti delle più importanti università italiane
University Esports Series, una competizione per gli studenti delle più importanti università italiane