Giove: osservata la nascita delle aurore sul gigante gassoso

2 mesi fa

Giove

l aurore di Giove erano state precedentemente osservate dal telescopio spaziale Hubble della NASA, ora grazie allo spettrografo ultravioletto della missione Juno è stato possibile osservare per la prima volta la nascita delle tempeste aurorali dell’alba su Giove: il risplendere mattutino unico delle spettacolari aurore.

Queste tempeste dell’alba, down storm, consistono in uno schiarimento e un allargamento breve e intenso dell’ovale aurorale principale di Giove, proprio vicino a dove l’atmosfera emerge dall’oscurità nella regione del primo mattino.

Queste aurore furono scoperte per la prima volta dal telescopio Hubble nel 1994. Queste immense e transitorie esposizioni di luce si verificano su entrambi i poli del pianeta, ma le osservazioni dell’aurora ultravioletta del gigante gassoso avevano offerto solo viste laterali e non tutto ciò che accadeva sul lato notturno del pianeta.

I ricercatori hanno scoperto che le tempeste dell’alba sono nate sul lato notturno del gigante gassoso e ruotano insieme al pianeta verso il lato diurni.

Questa caratteristica dell’aurora di Giove sono complesse e intensamente luminose e diventano ancora più luminose, fino a centinaia a migliaia di gigawatt di luce ultravioletta.

Il salto di luminosità implica che le tempeste dell’alba stanno scaricando almeno 10 volte più energia nell’atmosfera superiore di Giove rispetto alla tipica aurora.

I dati della missione Juno rappresentano davvero una svolta, come ha affermato Bertrand Bonfond, ricercatore dell’Università di Liegi in Belgio e autore principale dello studio:

Osservare l’aurora di Giove dalla Terra non ti consente di vedere oltre il lato notturno dei poli di Giove. Le esplorazioni di altri veicoli spaziali – Voyager, Galileo, Cassini – sono avvenute da distanze relativamente grandi e non hanno sorvolato i poli, quindi non hanno potuto vedere il quadro completo

Queste nuove scoperte permetteranno agli scienziati di studiare ulteriormente le differenze e le somiglianze tra la Terra e Giove che guidano la formazione dell’aurora.

Il potere che possiede Giove è sorprendente. L’energia in queste aurore è un altro esempio di quanto sia potente questo pianeta gigante

ha detto Scott Bolton, ricercatore principale di Juno del Southwest Research Institute di San Antonio.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista AGU Advances.

 

Può interessarti anche:

 

SpaceX: lander lunare a rischio, la NASA sospende il contratto
SpaceX: lander lunare a rischio, la NASA sospende il contratto
Ingenuity, niente da fare per il quarto volo, la NASA: "ci riproveremo"
Ingenuity, niente da fare per il quarto volo, la NASA: "ci riproveremo"
Jeff Bezos è irritato con la NASA che sceglie SpaceX
Jeff Bezos è irritato con la NASA che sceglie SpaceX
Crew Dragon 2 attraccata con successo alla Stazione Spaziale
Crew Dragon 2 attraccata con successo alla Stazione Spaziale
CREW-2: una nuova data per il lancio
CREW-2: una nuova data per il lancio
Ingenuity e il primo volo su Marte: la diretta streaming alle 12:15 di oggi
Ingenuity e il primo volo su Marte: la diretta streaming alle 12:15 di oggi
Osiris-Rex: completa il giro finale dell'asteroide Bennu
Osiris-Rex: completa il giro finale dell'asteroide Bennu