La Luna ha una sua scia, anche se solitamente non la notiamo

18
3 mesi fa

Il fenomeno è stato notato alla fine degli anni Novanta, ma ci sono voluti almeno quattordici anni di ricerche per ipotizzare da cosa fosse causato questo strano fenomeno. La risposta è che questa “coda” non sia altro che il risultato di meteoriti e asteroidi che impattano contro la superficie del satellite terrestre.

Non avendo un’atmosfera in grado di difenderla dagli impatti, la Luna è infatti spesso bersaglio di piccoli corpi celesti che finiscono con il sollevare nubi di particelle di sodio che vengono energizzate dai fotoni del Sole per poi essere scagliate verso lo spazio esterno.

 

 

La scia della Luna si direziona quindi sempre in senso opposto a quello del Sole e, a cadenza regolare, finisce con l’incappare nella Terra, circumnavigandola fino a creare un raggio concentrato di particelle astrali.

Questa scoperta ha qualche conseguenza pratica? “Probabilmente no”, ammette candidamente il professor Jeffrey Baumgardner, ricercatore anziano del Centro di Fisica Spaziale dell’Università di Boston, autore a capo della ricerca.

Nonostante la “coda” della Luna ci irradi di sodio, infatti, le particelle sembrano essere tanto disperse da non sviluppare effetti tangibili e sono visibili solamente se intercettate da lenti fotografiche particolari che sono perlopiù inutilizzate dal grande pubblico.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Luna: il Giappone vuole mandare un robot sferico a esplorarne la superficie
Luna: il Giappone vuole mandare un robot sferico a esplorarne la superficie
La NASA non sembra in grado di raggiungere la Luna per il 2024
La NASA non sembra in grado di raggiungere la Luna per il 2024
Superluna: la Luna dà spettacolo come e quando vederla
Superluna: la Luna dà spettacolo come e quando vederla
Luna: l'ESA vuole creare una rete di satelliti artificiali attorno al satellite naturale
Luna: l'ESA vuole creare una rete di satelliti artificiali attorno al satellite naturale
Terra: il nucleo potrebbe contenere gas nobili di antichi venti solari
Terra: il nucleo potrebbe contenere gas nobili di antichi venti solari
SpaceX DOGE-1: il cubesat finanziato con un pagamento in dogecoin, nel 2022 nell'orbita della Luna
SpaceX DOGE-1: il cubesat finanziato con un pagamento in dogecoin, nel 2022 nell'orbita della Luna
La NASA ha scelto SpaceX per dare il via al progetto Lunar Gateway
La NASA ha scelto SpaceX per dare il via al progetto Lunar Gateway