La pandemia ha acuito il senso di solitudine, soprattutto nelle donne

59
2 mesi fa

Le regole di distanziamento sociale e gli isolamenti hanno scatenato un profondo senso di solitudine e le donne patiscono maggiormente.

A dirlo è l’istituto statunitense Mayo Clinic, il quale ha analizzato la sensazione di decrescita delle amicizie che è stata avvertita da molti in questo periodo pandemico. Secondo la ricerca pubblicata su Social Science & Medicine, i bersagli principali di questo profondo senso di abbandono sono state donne e gli individui di costituzione debole.

La teoria dei ricercatori è che queste tipologie di soggetti siano anche quelle lavorativamente più vulnerabili, ovvero che siano le prime a rimetterci quando le aziende sono in difficoltà.

I posti di lavoro sono spesso dei posti in cui si creano network sociali e di supporto. In più, il fatto che i lavori vengano progressivamente trasferiti dal luogo di lavoro alle mura domestiche potrebbe ulteriormente complicare le connessioni tra donne,

ha ipotizzato l’autrice responsabile della ricerca Lindsey Philpot, ricercatrice dei servizi sanitare e epidemiologa del Dipartimento di Medifcina del Mayo Clinic.

Nelle donne, ma non solo, sarebbero scomparse le amicizie e si sarebbe invece acuito il senso di solitudine. Allo stesso tempo, quelle poche connessioni che restano sembrano invece saldarsi intensamente, offrendo un aumento di supporto emotivo e logistico, nonché un calo dell’ostilità percepita.

La soluzione fornita dai ricercatori per sopperire ai lati nefasti del distanziamento è, semplicemente, quella di impegnarsi maggiormente a mantenere i contatti coi propri amici e, magari, di sforzarsi a farsene pure di nuovi.

Prima del distanziamento fisico beneficiavamo delle interazioni sociali passive, ovvero interagivamo con gli altri parenti alle partite di basket dei figli oppure chiacchieravamo con i colleghi tra un meeting e l’altro.

Il distanziamento fisico ci impone di essere più intenzionali nel raggiungere gli altri, nel creare connessioni, e nel trascorrere del tempo (virtuale) con gli altri. Quindi prendete in considerazione di organizzarvi un incontro per un caffè virtuale con un amico, di unirvi o di organizzare una serata di indovinelli online o di prendere il telefono e chiamare un familiare o un amico,

ha concluso la dottoressa Philpot.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Coronavirus, chi si informa su TV e social ne sa meno
Una telefonata aiuta a non patire la solitudine
Una telefonata aiuta a non patire la solitudine
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
Covid, la vergogna contribuisce a non denunciare le infezioni
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
In Italia vengono al mondo meno bambini, in tempo di pandemia
In Italia vengono al mondo meno bambini, in tempo di pandemia
Neureka! La ricerca sulla salute del cervello: dal laboratorio allo smartphone
Neureka! La ricerca sulla salute del cervello: dal laboratorio allo smartphone
8 trappole psicologiche che stiamo affrontando o che dovremo affrontare a causa della pandemia
8 trappole psicologiche che stiamo affrontando o che dovremo affrontare a causa della pandemia