Tribes Of Europa, la recensione: sesso e morte ma a corto di storie

137
2 mesi fa

6 minuti

Tribes of europa

La recensione di Tribes of Europa, diretto da Florian Baxmeyer e Philip Koch e scritto da Jana Burbach, Benjamin Seiler e Koch, si svolge in un’epoca in cui la Terra ha dovuto affrontare un blackout su larga scala che ha causato la morte della tecnologia. L’umanità è stata divisa in varie tribù che stanno cercando di ricostruire l’Europa a modo loro e viene ribaltata quando entra in gioco un misterioso cubo. La serie eccelle in termini di scenografia, costumi e effetti grafici. Ma la sua narrativa poco brillante, la trasforma in una serie a tratti noiosa.

Blade Runner deve essere uno dei franchise più sottoesplorati di tutti i tempi. Ogni due anni, c’è un film o una serie che cerca di assomigliare a quell’universo, anche se in modo non ufficiale. Altered Carbon, Mute, Upgrade, Ghost in the Shell (Il film di Scarlett Johansson), Cloud Atlas e ora questa serie TV di Netflix.

Scrivendo la recensione di Tribes of Europa, mi viene da pensare che se qualcuno è pronto a mettere così tanti soldi in qualcosa di simile che alla fine non andrà da nessuna parte, perché non lasciare che il creatore faccia lo stesso ma sotto lo stendardo di Blade Runner? Bene, questa è una domanda a cui probabilmente non verrà mai data una risposta.

 

 

Tribes of Europa è diretto da Florian Baxmeyer e Philip Koch. È stato scritto da Koch, Jana Burbach e Benjamin Seiler. La musica è di Clinton Shorter, la fotografia di Christian Rein, la scenografia di Julian R. Wagner, la direzione artistica di Pavel Tatar e Dubravko Djuran. La storia ruota attorno agli sforzi di Liv (Confurius), Kiano (Sakraya) ed Elja (Rashed) di riunirsi dopo essere stati separati da una tribù alla ricerca di un misterioso cubo.

 

 

Tribes of Europa,  nulla di nuovo da offrire

Tribes of Europa

 

Alcuni dei temi presenti in qualsiasi film o serie di fantascienza sono il decadimento della società che porta alla corruzione di massa a tutti i livelli e i personaggi principali vengono separati a causa di detta catastrofe e trascorrono la maggior parte del suo tempo a cercarsi l’un l’altro. Non c’è niente di sbagliato nell’usarlo e nel riutilizzarlo. Ma c’è qualcosa di sbagliato nel farlo e poi dimenticare di aggiungere qualcosa di nuovo. Come accennato prima, se devo guardare qualcosa che ha perfezionato questi temi, guarderò Blade Runner o 2001: A Space Odyssey. Perché dovrei passare del tempo a guardare tutto questo ma in una versione più scadente? La società è cattiva. La tecnologia è cattiva, gli umani, peggio. C’è qualcos’altro da dire oltre a questo, Capitan Ovvio?

Il problema centrale della serie sono le sue priorità. La serie preferisce mostrare le vite separate condotte dai suoi personaggi principali, Liv, Kiano ed Elja, invece di far conoscere con cura il legame tra loro.

Inoltre si tende a voler mostrare sempre sesso e morte. Se non riusciamo a fare innamorare i personaggi tra di loro, perché dovremmo tifare perché tornino insieme sopravvivendo alle difficoltà? È solo perché sono una famiglia che dovrei preoccuparmi? Si dovrebbero spendere almeno due-tre episodi per costruire i personaggi e i loro rapporti e poi puoi dedicare il resto alla sofferenza e agli aspetti misteriosi della storia. Se non lo si fa, non si crea alcuna sostanza per tutti gli ornamenti stilistici e le grandi strutture fittizie su cui stare. È davvero sorprendente che così tante proprietà di fantascienza abbiano commesso questo errore eppure eccoci di nuovo qui.

 

 

 

Un buon costume design dei costumi e una bella scenografia non bastano

tribes of europa

 

Il design dei costumi e la scenografia sono molto elaborati. È stato pensato per rendere l’aspetto di come ogni tribù ha reagito al blackout che ha causato tutto il caos. Quindi, ci sono colori che richiamano la terra per le Origines poiché si sono allontanate dalla tecnologia e sono più vicine alla foresta. I corvi si trovano sul lato opposto dello spettro in quanto sono completamente ricoperti di nero, il che mostra la loro corruzione.

Il design delle armi e le scelte fatte per ogni singola location in cui i personaggi si recano sono impeccabili.

Clinton Shorter è brillante e pulsante di energia. Il lavoro degli effetti grafici è perfetto. Questa critica viene da un punto di vista molto personale. Quindi, sentitevi liberi di ignorarla. Non mi piace la fotocamera grandangolare a mano libera. Una volta ho visto un film di Terrence Malik e mi sono stancata. Penso che sia stata perfezionato da Alfonso Cuarón in Children of Men. Ma questo è tutto. Se ne sei un fan e puoi sopportarla per sei ore di fila, allora Tribes of Europa è sicuramente fatto per te. Apprezzo quando viene usata con parsimonia per evidenziare la natura stridente di una particolare situazione. Inoltre, c’è così tanto sesso non necessario. Mi ha davvero infastidito. La maggior parte non si basa su nulla per giustificare la sua esistenza. È solo lì.

 

 

Da Emilio Sakraya a Oliver Masucci, tutti danno il meglio per tenere insieme la serie

scontro

 

Se avete amato Oliver Masucci in Dark, lo amerete anche in questa serie. Il suo personaggio emana quella classica atmosfera da mascalzone con il cuore d’oro a cui ci siamo abituati. Ma, sfortunatamente, non è il personaggio principale. Quelli sono interpretati da Henriette Confurius, Emilio Sakraya, David Ali Rashed e Melika Foroutan. Di tutti loro, dirò che Sakraya è quello che attira di più l’attenzione. Il modo in cui ha esternato l’infinito senso di dolore che prova ha elevato Kiano come personaggio nella serie.

Non si può dire lo stesso per il resto del cast. Sicuramente interpretano i loro personaggi esattamente come sono stati diretti e ci fanno un buon lavoro. Ma sfortunatamente, nessuno di loro finirà per essere memorabile in alcun modo. La Liv di Henriette sembra un clone di Katniss Everdeen di Jennifer Lawrence. Ha alcune scene solide con Grieta di Ana Ularu, che invece è ampiamente sottoutilizzata. Rashed si inserisce bene nel ruolo di Elja. Il Varvara di Melika Foroutan, proprio come Ularu, sembra essere lì solo per superare il confine tra essere sexy e feroci.

 

 

Verdetto finale

finale

 

Per dirla in maniera semplice, in conclusione della recensione di Tribes of Europa, la serie può essere considerata come la cugina minore di Blade Runner, Hunger Games e Divergent. La produzione aveva chiaramente i soldi per renderla una grande serie e ammetto che gli showrunner li hanno usati in modo abbastanza efficiente.

La serie vede grandi prestazioni, con Oliver Masucci ed Emilio Sakraya chiaramente nei momenti salienti. Ma alla fine, la narrazione mal ponderata e la cinematografia indulgente la rendono un po’ deludente.

Si è già accennato a una seconda stagione. Ha del potenziale. E spero sinceramente che gli showrunner se ne rendano conto e lavorino sui personaggi invece di concentrarsi troppo sulle immagini perché, alla fine, sono le storie e i viaggi che vivranno più a lungo.

 

 

Tribes of Europa è disponibile su Netflix dal 19 Febbraio.
Fatma: il trailer della serie TV thriller turca di Netflix
Fatma: il trailer della serie TV thriller turca di Netflix
Edens Zero debutterà su Netflix questo autunno
Edens Zero debutterà su Netflix questo autunno
My Little Pony: ecco i due nuovi personaggi del film Netflix
My Little Pony: ecco i due nuovi personaggi del film Netflix
Army of the Dead: Snyder rivela la data di uscita del trailer
Army of the Dead: Snyder rivela la data di uscita del trailer
The Crown: le reazioni del cast alla morte del Principe Filippo
The Crown: le reazioni del cast alla morte del Principe Filippo
The 39 Steps: Netflix acquista i diritti della serie tv con Benedict Cumberbatch
The 39 Steps: Netflix acquista i diritti della serie tv con Benedict Cumberbatch
Kentarō Hiyama's First Pregnancy: il manga avrà un adattamento live action per Netflix
Kentarō Hiyama's First Pregnancy: il manga avrà un adattamento live action per Netflix