A Lione le mense scolastiche abbandonano del tutto la carne

548
2 mesi fa

cucina mensa

Le mense di Lione, Francia, hanno rinunciato temporaneamente alla carne e gli allevatori si infiammano in ampie proteste.

L’idea di base, almeno ufficialmente, è prettamente pragmatica: gli studenti devono sottostare al distanziamento a ai turni dei pasti, quindi è molto più semplice gestire un’unica opzione gastronomica, piuttosto che due tipologie di pasto parallelamente.

Ovviamente l’imporre il menù a base di carne sarebbe fuori questione. Se non altro perché la cosa sarebbe virtualmente ingestibile, visto il complesso multiculturalismo che vige in Francia. Per quanto riguarda vegetariani e vegani, la situazione è comunque una fregatura perché i pasti includono prodotti ittici e uova.

I detrattori non hanno tenuto conte delle motivazioni avanzate e accusato il sindaco di Lione, Grégory Doucet, di approfittare di questa situazione di emergenza sanitaria per portare avanti manovre “ideologiche” e “elitiste”, tuttavia la medesima soluzione è al vaglio anche di diverse città del Paese, Parigi compresa.

Un’accusa non del tutto incomprensibile, considerando che, per quanto il Senato francese e gli ambientalisti approvino una simile scelta, il rimuovere la carne dalle mense per vie tradizionali sarebbe pressoché impossibile. La lobby degli allevatori è estremamente potente e lo si nota sia nelle azioni dirette che nelle pressioni politiche che sta esercitando.

Trattori, mucche e capretti sono stati immediatamente trascinati davanti al municipio – il tutto scandito da motti surreali quali “fermare la carne è una garanzia di debolezza contro i virus futuri” – mentre tra gli scranni diplomatici si ringhia contro il “moralismo Green”.

Lione continua a promettere che la soluzione sia solo temporanea, ma sono molti a temere o a sperare che questo sia solamente il primo passo verso una scelta definitiva che potrebbe portare, seppur modestamente, a un calo delle emissioni dei gas serra legate agli allevamenti.

Ironicamente, la risoluzione introdotta da Doucet non è piaciuta neppure a Barbara Pompili, Ministra dell’ambiente, la quale ha sottolineato come una mensa priva di alternativa vegetariana sia da considerarsi “preistorica”.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Perché la scuola è passata di moda
Perché la scuola è passata di moda
Le teste di cane, le scie chimiche dell'ANSA e le tariffe Enel
Le teste di cane, le scie chimiche dell'ANSA e le tariffe Enel
Fnac Fashion Nightmare
Fnac Fashion Nightmare
Eyeballing ovvero Vodka negli occhi!
Eyeballing ovvero Vodka negli occhi!
60 anni di disastri nucleari
60 anni di disastri nucleari
Skype illegale? Il "si" della Francia.
Skype illegale? Il "si" della Francia.
Carne umana a Berlino
Carne umana a Berlino