Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia

25
2 mesi fa

6 minuti

Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia

Recensione di Wolfwalkers – Il popolo dei lupi, nuovo film d’animazione diretto da Tom Moore e Ross Stewart. Il lungometraggio è disponibile su Apple TV.

Il lupo è una delle figure fondamentali del folklore irlandese. L’animale, che in tempi antichi era molto presente sul territorio, nelle leggende è spesso associato al concetto di divinità e di guerriero. Proprio su alcune leggende irlandesi e sul reale problema che i lupi rappresentavano per le popolazioni dell’Irlanda si basa il nuovo film d’animazione diretto da Tom Moore e Ross Stewart.

Nella recensione di Wolfwalkers – Il popolo dei lupi scopriremo una storia fatta di magia, superstizione ed amicizia. Una vicenda che contrappone l’uomo e la natura e lo fa in maniera dolce e delicata.

 

Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia

 

Protagonista della storia è la piccola Robyn Goodfellowe, che dall’Inghilterra si è trasferita nella città irlandese di Kilkenny con il padre cacciatore Bill. L’uomo è stato chiamato dal Lord Protector per sterminare i lupi che vivono nella foresta situata vicino la città e che aggrediscono i taglialegna ogni volta che questi vi si avvicinano. Desiderosa di aiutare il padre, Robyn lo seguirà di nascosto nella foresta e scoprirà che il branco di lupi è guidati da Mebh. La bambina è una wolfwalker, popolo leggendario capace di trasformarsi in lupo quando dorme. Inizierà così tra le due un’amicizia che cambierà la loro vita per sempre.

Wolfwalkers – Il popolo dei lupi segna il grande ritorno di Tom Moore.

 

 

 

Voglia di libertà

Sin dai primi minuti del film si evince come la libertà, e la continua ricerca di essa, sia uno temi principali della storia. Libertà che è pienamente rappresentata dalle due protagoniste, Robyn e Mebh. La prima ne è alla continua ricerca, schiacciata da una società, quella del 1600, che non consentiva alle donne di avere sostanzialmente libero arbitrio. La seconda invece ne è la rappresentazione più pura. La piccola wolfwalker infatti vive senza vincoli.

La libertà e la dicotomia uomo/natura sono tra i temi principali del film.

Una libertà, spesso selvaggia e incontrollata, che Robyn conoscerà solo dopo l’incontro con la sua nuova amica. Un incontro che cambierà la vita di entrambe, non solo perché nasce tra loro una solida amicizia – dove non mancheranno incomprensioni – ma perché aprirà loro gli occhi sul mondo dell’altra.

Le due bambine rappresentano anche la dicotomia tra uomo e natura. Non a caso il loro primo incontro sarà piuttosto turbolento. Ma nonostante ciò, riusciranno a comprendersi, perché infondo gli occhi e il cuore di un bambino riescono a vedere oltre le apparenze meglio degli adulti.

 

 

Adulti che sono simbolo dell’ottusità e dell’incapacità di ascoltare. Sia il padre di Robyn che il Lord Protector non sono in grado di guardare al di là del proprio naso e non provano neanche a capire la situazione. Ottusi fino alla fine, anche quando la verità gli si palesa davanti gli occhi.

Ottima la sceneggiatura, capace di dare vita ad una storia avvincente.

Wolfwalkers – Il popolo dei lupi è un film che punta tutto sui personaggi, in particolare sulle protagoniste. Caratterizzate come meglio non si potrebbe, Robyn e Mebh sono personaggi reali e in cui è facile riconoscersi. Una storia quella raccontata che è al servizio dei due personaggi principali. Tutti gli eventi hanno il solo scopo di farle crescere.

Proprio la sceneggiatura è uno dei punti di forza del film. Una scrittura asciutta e senza troppi fronzoli quella di Will Collins, capace di attingere a piene mani dal folklore irlandese ma capace di costruire una storia più contemporanea che mai.

 

 

Un film stratificato

Quello che salta all’occhio durante la visione è che l’ultimo lavoro di Tom Moore e Ross Stewart è un film stratificato. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi è molto di più di una semplice storia di amicizia. È un film politico, in cui il rapporto tra due bambine tanto diverse ma allo stesso tempo molto simili è la chiave di lettura.

Impossibile non vedere il dualismo tra uomo e natura, come già scritto sopra, così come è impossibile non vedere il fatto che la società irlandese dell’epoca, in cui il film è ambientato, non sia altro che la metafora dei giorni nostri. Ieri come oggi l’uomo è ottuso e incapace di mettersi in discussione. Troppo convinto delle sue idee ed innamorato del potere, che cerca di ottenere e mantenere ad ogni. Anche con il terrore.

Wolfwalkers è un film che racchiude molti più significati di quanto sembri.

Una società incapace di valorizzare il prossimo, soprattutto le donne. La società patriarcale del passato è purtroppo ancora ben ancorata e il film ce lo mostra con scene tanto semplici quanto potenti. Così come ci mostra l’incapacità dell’uomo nel vedere la bellezza di quello che lo circonda e la facilità con cui distrugge tutto.

Non è un caso che gli adulti siano cinici e meschini e che quelli che hanno conservato un animo buono vengano rinchiusi e messi a tacere. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi mette bene in evidenza lo scontro generazionale tra genitori incapaci di comprendere i bisogni e le aspirazioni dei figli, che sono desiderosi di quella libertà che è un concetto inconcepibile per le vecchie generazioni. Incomunicabilità la cui conseguenza è la distruzione di tutto.

 

Wolfwalkers, la recensione: magia, superstizione ed amicizia

 

Una divisione quella tra uomo e natura evidenziata anche nei disegni. La città di Kilkenny è caratterizzata da linee nette e rigide e da colori grigi. Al contrario la foresta presenta disegni più armoniosi, più liberi, e da colori vivi e sgargianti. Da una parte la freddezza e la tristezza di una prigione – non a caso nessuno a parte soldati e cacciatori può uscire dalle mura – e dall’altra il calore e la gioia della natura.

Ottima la regia di Tom Moore e Roos Stewart. I due portano lo spettatore dentro la storia.

A tutto ciò va aggiunta la grande regia del duo Moore/Stewart, capace di portare lo spettatore nel pieno di una vicenda capace di scaldare il cuore. I due registi riescono a far divenire lo spettatore uno dei personaggi della storia, facendolo ora andare a caccia con Robyn, ora correre per il bosco con i lupi. Perfetta immedesimazione in due ragazze che lotteranno per quello in cui credono. Perché in fondo le nuove generazioni sono da sempre simbolo di speranza.

In conclusione della recensione di Wolfwalkers – Il popolo dei lupi, il film diretto da Tom Moore e Ross Stewart è una tenera storia di amicizia che ha in se molto di più di quello che si vede. Una storia capace di catturare l’attenzione sin da subito e di far riflettere.

Da vedere assolutamente.

 

 

Wolfwalkers – Il popolo dei lupi è disponibile su Apple TV.

 

 

Potrebbe interessarti:

 

Lisey’s Story: la serie TV di Apple arriva a giugno
Lisey’s Story: la serie TV di Apple arriva a giugno
Mythic Quest 2: il nuovo trailer della seconda stagione
Mythic Quest 2: il nuovo trailer della seconda stagione
The Crowded Room: Tom Holland star nella serie Apple
The Crowded Room: Tom Holland star nella serie Apple
The Mosquito Coast: il trailer della serie TV di Apple TV+
The Mosquito Coast: il trailer della serie TV di Apple TV+
Killers of the Flower Moon: Tantoo Cardinal nel cast del film di Scorsese
Killers of the Flower Moon: Tantoo Cardinal nel cast del film di Scorsese
Dominique Fishback reciterà con Samuel L. Jackson in una serie Apple
Dominique Fishback reciterà con Samuel L. Jackson in una serie Apple
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along