Il Maryland tasserà le inserzioni pubblicitarie online ed è uno dei primi Stati a farlo

17
2 mesi fa

Il Maryland ha approvato una tassa sulle inserzioni pubblicitarie online. È una delle prime tasse al mondo progettate appositamente per aggredire il business degli ad pubblicitari.

Il Maryland è il primo Stato degli USA ad aver approvato una tassa sulle inserzioni pubblicitarie online e, verosimilmente, è uno dei primi governi al mondo ad intervenire con una legge che vada ad aggredire appositamente i ricavi creati dai banner pubblicitari sui siti internet.

La tassa è compresa tra il 2,5 e il 10% del prezzo di ciascuna campagna pubblicitaria, a seconda delle dimensioni dell’azienda che vende lo spazio pubblicitario. Lo Stato del Maryland si aspetta di ricevere ogni anno un gettito fiscale di circa 250 milioni di dollari dalla nuova tassa. I politici hanno spiegato di voler usare il grosso del gettito per finanziare una riforma dell’educazione pubblica da 4 miliardi di dollari.

La tassa si applica esclusivamente alle aziende con un ricavato annuo superiore ai 100 milioni di dollari. Non ci sono molte aziende che rispondano a queste caratteristiche ed è evidente che il vero obiettivo siano i colossi del calibro di Google e Facebook.

In questi giorni stiamo assistendo ad un crescente interesse della politica e dei regolatori nei confronti delle grandi piattaforme tech. Mentre in Maryland la politica ha deciso di attaccare le finanze delle grandi aziende come Google e Facebook – i due rispettivi leader del mercato dell’advertising online -, in Australia il Governo sta giocando una partita completamente diversa cercando di imporre ai colossi di dare un equo compenso all’editoria in cambio dell’uso dei loro contenuti. Facebook ha risposto con ‘l’opzione nucleare’: ossia bloccando la condivisione di tutti i link che portino ai siti dei media, creando peraltro molti disguidi anche alle pagine del Governo e delle onlus.

 

 

Facebook punta su Hotline, la sua risposta a Clubhouse
Facebook punta su Hotline, la sua risposta a Clubhouse
Facebook, i dati di 533 milioni di utenti sono online
Facebook, i dati di 533 milioni di utenti sono online
I social, megafono della Cina sul caso dello Xinjiang
I social, megafono della Cina sul caso dello Xinjiang
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Il Regno Unito vuole obbligare Facebook ad installare una backdoor su WhatsApp e Messenger
Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Waymo, in Arizona è partita la guerra contro le IA
Facebook, ora anche gli UK si pongono il problema Giphy
Facebook, ora anche gli UK si pongono il problema Giphy
Facebook renderà più semplice disabilitare l'algoritmo del news feed
Facebook renderà più semplice disabilitare l'algoritmo del news feed