Sistema Solare: una nuova teoria per spiegarne formazione e struttura

2 anni fa

Sistema Solare

Un nuovo quadro teorico è stato presentato per spiegare la formazione e la struttura del nostro Sistema Solare.

Uno studio presenta un nuovo quadro teorico per spiegare la formazione e la struttura del Sistema Solare. Le caratteristiche dei pianeti più vicini e lontani e la composizione di asteroidi e le famiglie di meteoriti possono essere spiegati se pensati come ad un meccanismo evolutivo che si è svolto in epoche differenti.

Il lavoro ha preso in considerazione i recenti progressi dell’astronomia in particolare le osservazioni di altri sistemi solari durante la loro formazione e della meteoritica collegandole ad esperimenti di laboratorio e analisi sull’isotopo, il ferro e il contenuto di acqua nei meteoriti.

Attraverso questa ricerca il team multidisciplinare ha individuato due diversi percorsi evolutivi nella storia della formazione del sistema Il Sistema Solare.

La combinazione di fenomeni astrofisici e geofisici durante la prima fase di formazione del Sole e del Sistema Solare può spiegare perché i pianeti del sistema interno sono piccoli e asciutti con poca acqua rispetto la loro massa, mentre i pianeti di quello esterno, come Giove ad esempio, sono più grandi e con molta acqua.

 

Questo apre nuove strade per comprendere le origini delle prime atmosfere della Terra.

ha affermato il Dr. Tim Lichtenberg del Dipartimento di Fisica dell’Atmosfera, dell’Oceania e del Pianeta dell’Università di Oxford e autore principale dello studio.

Gli esperimenti numerici hanno mostrato che ci sono stati due momenti evolutivi differenti che possono essere spiegati con due distinte epoche di formazione: un inizio precoce e con una fine protratta dell’accrescimento nel Sistema Solare interno, e un inizio successivo con un accrescimento più rapido dei pianeti del Sistema Solare esterno.

 

Recenti osservazioni sui dischi che formano i pianeti hanno mostrato che i piani medi del disco, dove si formano i pianeti, possono avere livelli di turbolenza relativamente bassi. In tali condizioni le interazioni tra i granuli di polvere incorporati nel gas del disco e l’acqua intorno alla posizione orbitale dove passa dalla fase gassosa a quella ghiacciata possono innescare una prima esplosione di formazione di planetesimi nel Sistema Solare interno e un’altra successiva e più lontano.

 

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Science, lo studio completo Bifurcation of planetary building blocks during Solar System formation, sarà pubblicato il 22 gennaio 2021 su Science.

 

Può interessarti anche:

 

 

L'equinozio d'autunno concluderà l'estate con particolari eventi astronomici
L'equinozio d'autunno concluderà l'estate con particolari eventi astronomici
Le nane brune hanno nuvole di sabbia
Le nane brune hanno nuvole di sabbia
Via Lattea: due nuovi pianeti nella sua galassia
Via Lattea: due nuovi pianeti nella sua galassia
Il sistema solare resterà stabile nella galassia
Il sistema solare resterà stabile nella galassia
Il Sistema Solare
Il Sistema Solare
Il Sole
Il Sole
Genesi dei pianeti: fondamentale la loro posizione all’interno della galassia
Genesi dei pianeti: fondamentale la loro posizione all’interno della galassia

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.