Sole: le particelle accelerano anche oltre i confini del Sistema Solare

2 anni fa

Sole

Le particelle provenienti dal Sole grazie alla spinta delle onde d’urto provocate delle eruzioni solari si spingono oltre i confini del nostro Sistema Solare accelerando.

Sono state le sonde Voyager 1 e Voyager 2 a rilevare le prime esplosioni di elettroni dei raggi cosmici nello spazio interstellare. Le espulsioni di massa coronale vengono spinte dalle onde d’urto provocate dai venti solari oltre i confini del sistema solare accelerando le particelle cariche di energia.

Le sonde Voyager hanno lasciato il nostro Sistema Solare anni fa ma nonostante questo continuano a raccogliere informazioni rilevando le esplosioni di raggi cosmici del Sole a più di 23 miliardi di chilometri di distanza.

Le eruzioni solari, o espulsioni di massa coronale, sparano le particelle cariche lontano dalla superficie a causa delle onde d’urto man mano che si allontanano sembrano accelerare.

Il vento solare, un flusso di particelle cariche sotto forma di plasma, prodotto dal Sole genera un campo magnetico.

Viaggiando oltre ogni pianeta e oggetto presenti nel nostro Sistema Solare, il vento solare si diffonde nel mezzo interstellare ed è questo che definisce in gran parte i confini del nostro sistema solare.

L’idea che le onde d’urto accelerino le particelle non è nuova. [Ma] nessuno l’ha visto con un’onda d’urto interstellare, in un mezzo completamente nuovo e incontaminato

ha osservato l’astrofisico Don Gurnett dell’Università dello Iowa.

Nel freddo dello spazio interstellare dove le condizioni sono molto diverse non si sa ancora cosa accade al plasma solare e ai raggi cosmici trasportati da un’onda d’urto.

Secondo quanto rilevato dalle sonde tutto inizia con una massiccia eruzione sulla superficie del Sole che genera un’onda d’urto quasi sferica nel Sistema Solare.

Quando quest’onda di energia seguita da plasma raggiunge lo spazio interstellare l’onda d’urto spinge raggi cosmici di maggiore energia a colpire il campo magnetico tangente generato dall’onda dove si crea e un’altra spinta che li riflette e li accelera nello stato di energia superiore.

 

 

Finisce la missione di LightSail 2, la vela spaziale spinta dal Sole
Finisce la missione di LightSail 2, la vela spaziale spinta dal Sole
Solar Orbiter: un video che mostra la corona solare
Solar Orbiter: un video che mostra la corona solare
Dimagrire è più facile con l'esposizione al sole
Dimagrire è più facile con l'esposizione al sole
Protezione dal sole: necessaria anche dopo l'estate
Protezione dal sole: necessaria anche dopo l'estate
Sole: l'immagine più dettagliata arriva dalle Hawaii
Sole: l'immagine più dettagliata arriva dalle Hawaii
Un'espulsione di massa solare colpisce il Solar Orbiter mentre sorvola Venere
Un'espulsione di massa solare colpisce il Solar Orbiter mentre sorvola Venere
Campo magnetico: scoperto il più forte esistente nell'Universo
Campo magnetico: scoperto il più forte esistente nell'Universo

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.