Borat 2: petizioni del gruppo kazako-americano per bandirlo dagli Oscar

561
17 Novembre

borat 2

La Kazakh-American Association ha lanciato una campagna per bandire Borat 2 dai principali spettacoli che concorrono agli Oscar a causa del suo ritratto della comunità kazaka.

Un gruppo kazako-americano ha lanciato una campagna per bandire Borat 2 dagli Oscar e da altri importanti premi. Quattordici anni dopo l’uscita del primo film di successo di Sacha Baron Cohen, il sequel è stato presentato in anteprima su Amazon Prime Video a ottobre riscuotendo un notevole successo, diventando uno dei più grandi successi in streaming dell’anno. Sebbene il film originale del 2006 sia stato un successo commerciale e di critica, facendo guadagnare a Cohen un Golden Globe per la sua interpretazione, è stato circondato da polemiche anche prima della sua uscita.

Sebbene considerato una commedia rivoluzionaria negli Stati Uniti, il sequel del film ha suscitato indignazione tra i leader del Kazakistan per il suo ritratto dei kazaki. È stato persino vietato in quasi tutti i paesi arabi. Proprio come il film originale, Borat Subsequent Movie presenta molte scene controverse, dalla sua imbarazzante rappresentazione di personaggi pubblici alla rappresentazione del Kazakistan.

La Kazakh-American Association ha lanciato una campagna per bandire Borat Subsequent Moviefilm dagli Oscar, dai Golden Globe e da altre importanti premiazioni di questa stagione. Nelle lettere firmate dall’Hollywood Film Academy e dal Council on American-Islamic Relations, l’organizzazione fa appello all’Academy of Motion Picture Arts & Sciences, all’Hollywood Foreign Press Asociation, alla Directors Guild of America e alla British Academy of Film and Television Arts per squalificare Borat 2 per la sua discriminazione nei confronti del popolo kazako.

Non sorprende che Borat Subsequent Moviefilm abbia suscitato polemiche, poiché Cohen ritrae intenzionalmente il Kazakistan come antisemita e sessista. Tuttavia, Cohen ha già commentato che la versione del film del Kazakistan è di fantasia e non è pensata per essere associata al paese reale. Cohen certamente si spinge vicino ai limiti con i suoi film, ma lo fa solo per deridere le parti peggiori della cultura americana ed esporre il razzismo, il sessismo e il comportamento discriminatorio negli altri.

 

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment News
Tag
martedì 17 Novembre 2020 - 23:15
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd