Rete Internet quantistica: un modem in miniatura per il salto quantico

30
2 anni fa

Rete Internet quantistica

È stato realizzato un modem che permette il salto quantico per collegare i qubit statici di un computer con quelli in movimento nella rete Internet quantistica.

Mettere in piedi un sistema quantistico che comprende la produzione di computer quantistici pratici e commerciali e la trasformazione della rete in Internet quantistica è abbastanza difficile e richiede tempo visto che la fisica su cui si basa è incredibilmente complessa. Tecnologicamente parlando un modem quantistico potrebbe essere un passo avanti molto importante realizzando così un gateway di rete.

Una rete Internet quantistica è una rete che supera in sicurezza l’Internet esistente. Interferire con i dati trasmessi con tecniche quantistiche essenzialmente interromperebbe la connessione: diventando così il sistema al momento più inattaccabile che si possa ad oggi ottenere.

 

In futuro, un Internet quantistico potrebbe essere utilizzato per collegare computer quantistici situati in luoghi diversi, il che aumenterebbe notevolmente la loro potenza di calcolo!

ha detto il fisico Andreas Reiserer, dell’Istituto Max Planck in Germania.

 

La nuova ricerca si concentra su come creare un collegamento di qubit, l’unità di misura dell’informazione quantistica, stazionari in un computer quantistico con qubit in movimento che viaggiano tra queste macchine.

I dati quantistici in transito vengono memorizzati nei fotoni che sono sintonizzati con precisione sulla lunghezza d’onda dell’infrarosso della luce laser utilizzata nei sistemi di comunicazione odierni.

 

I ricercatori sono riusciti a trovare un modo per far sì che i qubit immagazzinati a riposo reagiscano esattamente con i fotoni infrarossi in movimento.

 

All’interno del loro modem hanno installato un armadietto a specchio in miniatura attorno a un cristallo di silicato di ittrio raffreddando il tutto a meno 271 gradi Celsius.

Il cristallo raffreddato mantiene gli atomi di erbio, l’elemento che meglio può permettere il salto quantico in determinate condizioni, abbastanza stabili da forzare un’interazione.

Gli specchi fanno rimbalzare i fotoni infrarossi per decine di migliaia di volte creando essenzialmente decine di migliaia di possibilità che avvenga il necessario salto quantico rendendo il sistema 60 volte più veloce e molto più efficiente.

 

Una volta che il salto tra i due stati è stato fatto, le informazioni possono essere passate altrove.

 

Questo trasferimento di dati solleva una serie completamente nuova di problemi da superare, ma gli scienziati sono impegnati a lavorare sulle soluzioni.

Intanto questa tecnologia permette di realizzare un modem quantistico che potrebbe fungere da gateway di rete.

La ricerca è stata pubblicata su Physical Review X.

 

Può interessarti anche: 

 

 

BMW è tra le prime aziende ad affidarsi ai computer quantistici
BMW è tra le prime aziende ad affidarsi ai computer quantistici
Il flusso canalizzatore esiste, ma non serve a viaggiare nel tempo
Il flusso canalizzatore esiste, ma non serve a viaggiare nel tempo
Computer 100,000 volte piu veloci grazie agli impulsi laser
Computer 100,000 volte piu veloci grazie agli impulsi laser
Di che colore è uno specchio?
Di che colore è uno specchio?
XKCD e il Teletrasporto
XKCD e il Teletrasporto
XKCD: Sesso rumoroso
XKCD: Sesso rumoroso
XKCD: Sesso rumoroso
XKCD: Sesso rumoroso

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.