Ci lascia a 83 anni William Blinn, sceneggiatore di Purple Rain e Roots

11 mesi fa

william blinn

William Blinn, vincitore dell’Emmy e del Peabody ha anche creato Starsky & Hutch, ha rimesso a lucido Fame e sviluppato Eight Is Enough.

William Blinn, il due volte vincitore di un Emmy che ha scritto il film Purple Rain con protagonista Prince, ha creato Starsky & Hutch e scritto per progetti televisivi storici come Roots, Fame e Brian’s Song, ci ha lasciato ad 83 anni.

Blinn è morto giovedì per cause naturali in una comunità di vita assistita a Burbank, ha detto sua figlia, Anneliese Johnson. Scrittore, produttore e specialista teatrale che ha ricevuto il prestigioso Paddy Chayefsky Laurel Award dalla WGA nel 2009, Blinn è stato anche scrittore di Bonanza, ha sviluppato Eight Is Enough e creato The Interns, The Rookies e Pensacola: Wings of Gold.

Nella sua intensa carriera di quattro decenni, Blinn ha avuto solo un credito per la sceneggiatura di un lungometraggio, ma è arrivato come co-sceneggiatore (con il regista Albert Magnoli) di Purple Rain (1984). Al nativo dell’Ohio è stato offerto il concerto, ha detto, a causa della sua esperienza come scrittore e produttore esecutivo nell’energica e giovanile Fame.

Una delle cose di cui siamo stati orgogliosi [con quello spettacolo] è stata l’integrazione dei numeri musicali nella storia, ha detto all’Atlanta Journal-Constitution nel 2004.

Blinn si è seduto con Prince – a malapena un protagonista di Hollywood tradizionale – in un ristorante italiano a Hollywood, ma non era ancora sicuro di come avrebbe tirato fuori un film su un giovane, fiammeggiante frontman di una band di Minneapolis chiamata The Revolution. Cioè, finché non è andato a fare un giro nell’auto del musicista e ha sentito When Doves Cry, che Prince aveva scritto per il film.

In precedenza, Blinn era uno sceneggiatore per Screen Gems della Columbia Pictures quando è stato scelto a caso per adattare un capitolo dell’autobiografia del 1970 I Am Third, scritta da Chicago Bears running back Gale Sayers, per un telefilm della ABC.

Brian’s Song, girato per 12 giorni in Indiana, è incentrato sulla forte relazione tra Sayers (interpretato da Billy Dee Williams) e il suo compagno di squadra di Bears Brian Piccolo (James Caan), a cui è stato diagnosticato un cancro terminale poco dopo essere diventato professionista.

Visto da 55 milioni di persone – la metà di quelli negli Stati Uniti che all’epoca possedeva una TV – quando andò in onda il 30 novembre 1971, Brian’s Song fu il quarto film più visto mai trasmesso in televisione (dietro solo Ben- Hur, The Birds e The Bridge on the River Kwai).

Ha vinto un altro Emmy cinque anni dopo per Roots. Fu assunto come capo scrittore prima che Alex Haley finisse il libro su cui era basata la seminale miniserie ABC del 1977, poi accompagnò l’autore in un tour dei college prima di iniziare a lavorarci.

L’ottantacinque per cento della popolazione statunitense si sintonizzò per almeno una parte di Roots, e l’ottavo e ultimo episodio attirò più di 100 milioni di spettatori nel gennaio 1977.