Star Trek Discovery Stagione 3: Rendere lo spazio una nuova frontiera

2
15 Ottobre

star trek discovery

Star Trek Discovery ritorna questa settimana dalla sua pausa di 18 mesi con la sua terza stagione in anteprima.

Il secondo finale di stagione dello show ha impostato Star Trek in modo tale che la terza stagione di Discovery riparta quasi da una tabula rasa. Saltare 930 anni nel futuro per la terza stagione di Discovery introduce una nuova e diversa era dell’universo di Star Trek che, in qualche modo, è un ritorno alle radici della serie originale.

Ma suggerisce anche che quando viaggi per 930 anni nel futuro, il bagaglio arriva con te con quella che potrebbe essere l’apertura di uno spettacolo più affascinante, sfumata e incentrata sul personaggio.

La stagione inizia con Michael Burnham (Sonequa Martini-Green) che precipita nell’ignoto. Spara fuori dal wormhole e sbatte contro un’astronave pilotata da Charles Book Booker (David Ayala). Dopo alcune controverse presentazioni, i due decidono di lavorare insieme e Book funge da guida di Michael per questo nuovo mondo.

Ad un certo punto, la galassia ha preso una svolta a sinistra, come afferma Book. A causa del disastro della galassia, il dilitio, una componente vitale per i viaggi in curvatura, è ora estremamente raro e prezioso. I viaggi spaziali, per la maggior parte, vanno a una velocità inferiore alla luce. Incapaci di mantenere le sue dimensioni in tali condizioni, la Federazione e la Flotta Stellare si riducono quasi a zero.

Il risultato è che la galassia si sente molto più grande e pericolosa di quanto non fosse mai stata nel passato di Star Trek. L’illegalità dell’epoca richiama alla mente il tono western fantascientifico di Gene Roddenberry per la serie originale di Star Trek, un mashup di genere su cui si basa il secondo episodio di questa stagione.

Ma si tratta di più di un ritorno alle radici di Star Trek. Come ogni buona fantascienza, Star Trek dà il meglio di sé quando riflette la nostra realtà attuale.

Viviamo in un’epoca in cui le nostre riserve di combustibili fossili che alimentano i nostri mezzi di trasporto quotidiani stanno diminuendo. Le istituzioni che molti di noi davano per scontate ora sembrano più tenui che mai.

Uno Star Trek in cui il viaggio warp non è più un dato di fatto e in cui la Federazione non può più raggiungere coloro che dipendevano da essa è uno Star Trek che rappresenta il nostro presente.

 

 

Aree Tematiche
Cinema Entertainment News
Tag
giovedì 15 Ottobre 2020 - 14:43
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd