L’India sfida Google Play Store: startup lavorano ad un’alternativa

2 Ottobre 2020

play store dark mode

L’India sfida Google Play Store e lavora ad un’alternativa per “svincolarsi” dal dominio tech di Google.

Tutto è cominciato due settimane fa, quando la principale app indiana per servizi finanziari, Paytm, è stata espulsa dal Play Store.

Sebbene l’espulsione sia durata poco poiché Google ha ripristinato il servizio dopo alcune ore, questa si è rivelata la cosiddetta “goccia che fa traboccare il vaso” capace cioè di innescare un certo malumore fra l’utenza e gli addetti ai lavori del paese asiatico, stanchi – a loro modo di vedere – di essere dipendenti dal Play Store per qualsiasi app.

Un malumore che si è trasformato in una vera e propria presa di coscienza da parte di un consorzio di startup tech indiane le quali stanno studiano insieme un modo per lanciare un’alternativa al Play Store.

Apple e Google sono una sorta di duopolio in quasi tutti i mercati internazionali per quanto riguarda la distribuzione di app. Tuttavia in India – con il fatto che la maggior parte degli smartphone venduti sono Android – è bigG ad avere il controllo quasi totale.

Al momento, in India esiste già un sistema operativo mobile chiamato Indus OS con tanto di store per le applicazioni locali. Indus o meno, però, in molti nutrono perplessità sul fatto che un app store separato andrebbe a sollevare un bel po’ di problemi per quanto riguarda sicurezza dei dati, privacy, trasparenza e anche un eventuale spionaggio da parte del governo.

Nel frattempo, Google ha deciso di rendere più semplice l’utilizzo di app store alternativi, a partire da Android 12, il che dovrebbe in qualche modo facilitare il progetto alle startup indiane che stanno lavorando al loro piano di “indipendenza”.

 

Aree Tematiche
AndroidLand Internet Mobile News Tecnologie
Tag
venerdì 2 Ottobre 2020 - 15:23
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd