Coronavirus: lo studio sulla trasmissione nei voli a lungo raggio

7 mesi fa

coronavirus

Un interessante studio condotto da CDC ha evidenziato come i viaggi in volo a lunga percorrenza siano un fattore ad alto rischio per la trasmissione del coronavirus.

Il CDC, ovvero il centro statunitense per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha recentemente pubblicato uno studio riguardante un volo effettuato lo scorso 2 marzo 2020, più precisamente su un volo a lungo raggio da Londra ad Hanoi, in Vietnam.

Lo studio avrebbe provato che una passeggera positiva al virus, sarebbe riuscita a infettare altri 15 passeggeri dello stesso volo (su un totale di 217 passeggeri) scatenando così una reazione a catena nei loro paesi d’arrivo e costituendo a tutti gli effetti un vero e proprio “focolaio d’alta quota”.

Altro dato importante a tal proposito è l’alto numero di infetti presenti nella Business Class, ben 12, che rappresentano quindi il 75% del totale degli infettati. Si tratterebbe nella fattispecie di una ragazza di 27 anni, originaria del Vietnam, che viaggiava assieme a sua sorella di 26 anni. La ragazza si sarebbe trovata a Londra già dal mese di febbraio, viaggiando perfino in Italia il 18 febbraio, sempre con la sorella, e a Parigi, in occasione della Fashion Week.

Confermato inoltre dagli stessi ricercatori della CDC che l’utilizzo della mascherina è senz’ombra di dubbio fondamentale nel prevenire la diffusione di SARS-CoV-2: a marzo, infatti, non erano ancora entrate in vigore tutte le norme di sicurezza anti-Covid adottate nei mesi a venire da parte di tutti i paesi del mondo, Italia inclusa.

In conclusione, il CDC ha confermato che il rischio a bordo di trasmettere il virus è molto elevato, soprattutto nel caso in cui siano voli a lungo raggio.

Nemmeno la Business Class, nonostante il suo maggior distanziamento tra sedili, riuscirebbe a frenare questa pericolosa trasmissione.

Attendiamo quindi ulteriori aggiornamenti a riguardo, per assistere ai provvedimenti che metteranno ipoteticamente in atto le compagnie di volo nel corso dei prossimi mesi, per cercare di ridurre al minimo questa tipologia di rischio.

 

 

Pfizer: probabilmente sarà necessaria una terza iniezione
Pfizer: probabilmente sarà necessaria una terza iniezione
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
Covid-19: nonostante la situazione, il rischio percepito cala
OMS, "molto improbabile" che Covid-19 sia nato in laboratorio a Wuhan
OMS, "molto improbabile" che Covid-19 sia nato in laboratorio a Wuhan
Tra i vari pericoli del coronavirus c'è il possibile calo della fertilità maschile
Tra i vari pericoli del coronavirus c'è il possibile calo della fertilità maschile
Pfizer, Israele scopre che una singola dose di vaccino non basta
Pfizer, Israele scopre che una singola dose di vaccino non basta
L'Europa si prepara a gettare le basi del "passaporto dei vaccini"
L'Europa si prepara a gettare le basi del "passaporto dei vaccini"
Coronavirus: tutti i dettagli della variante inglese
Coronavirus: tutti i dettagli della variante inglese