Ciclo di vita dei vulcani: nascono, muoiono e poi ricrescono sui propri resti

2
10 Settembre

Ciclo di vita

I vulcani hanno un proprio ciclo di vita nascono, muoiono e ricrescono: per la prima volta una ricerca ha documentato l’attività vulcanica dopo un crollo.

La ricerca nata dalla cooperazione di ricercatori tedeschi e russi ha permesso di documentare l’attività vulcanica a seguito di un crollo definendo così il ciclo di vita dei vulcani e un modello di ricrescita.

Per la prima volta i ricercatori del centro di ricerca tedesco German Research Center for Geosciences, GFZ, e vulcanologi russi hanno presentato i risultati di una serie di dati del vulcano Bezymianny, in Kamchatkache, Russia.

 

I vulcani nascono, muoiono e poi ricrescono sui propri resti.

 

Grazie alle serie di dati fotogrammetrici , planimetria e altimetria del terreno rilevate attraverso vedute fotografiche, raccolti in un periodo di settant’anni i ricercatori sono riusciti a costruire l’evoluzione dell’attività vulcanica dopo un crollo.

Studiando le immagini fotografiche a partire dagli anni ’50 e analizzando i dati più recenti rilevati dai droni satellitari è stato possibile ricostruire la rinascita del vulcano Bezymianny dopo il crollo del suo settore orientale nel 1956.

La ricrescita iniziale è iniziata in prese d’aria separate a circa 400 metri l’una dall’altra, dopo vent’anni l’attività è aumentata con l’avvicinamento lento di queste prese d’aria, fino a verificare che dopo 50 anni le due prese d’aria sono diventate un unico sfiato che ha permesso la crescita di un nuovo ripido cono.

Raggiunta l’altezza critica un vulcano può crollare con conseguenze devastanti come è successo per Anak Krakatau nel 2018. Il fianco del vulcano è crollato scivolando in mare e generando uno tsunami che uccise diverse centinaia di persone sulla costa dell’Indonesia.

 

Può interessarti anche:

 

I risultati consentono di realizzare un modello per prevedere quando la struttura del vulcano potrà nuovamente raggiungere un’altezza critica, spiegare i cambiamenti di stress all’interno della roccia vulcanica e la migrazione delle bocche eruttive.

 

Gli autori dello studio hanno determinato un tasso di crescita medio di 26.400 metri cubi al giorno.

 

 

I nostri risultati mostrano che il decadimento e la ricrescita di un vulcano ha un impatto importante sui percorsi del magma in profondità. Così, disintegrato e recentemente vulcani cresciuti mostrano una sorta di ricordo del loro campo di stress alterato

ha detto Thomas Walter, vulcanologo presso la GFZ e coautore dello studio

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Nature Communications Earth and Environment.

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
giovedì 10 Settembre 2020 - 18:53
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd