Infradito: prodotte con materiali a base di alghe per essere biodegradabili

9 mesi fa

Infradito

Un nuovo materiale a base di alghe permette di produrre infradito biodegradabili: un altro passo per diminuire i rifiuti in plastica.

Le infradito sono le calzature più diffuse e utilizzate al mondo e rappresentano una percentuale preoccupante di rifiuti di plastica che possono finire nelle discariche, sulle spiagge e negli oceani. Una ricerca ha messo a punto un nuovo materiale che le rende ecosostenibili.

Gli scienziati dell’Università della California di San Diego hanno prodotto schiume poliuretaniche a base di olio di alghe per soddisfare le specifiche commerciali delle infradito nello specifico l’intersuola, la parte tra la tomaia e il battistrada che ammortizza e protegge dai colpi, e il plantare.

Questo nuovo materiale è sostenibile, pronto per la commercializzazione e biodegradabile.

Dopo centinaia di formulazioni, abbiamo finalmente raggiunto quella che soddisfaceva le specifiche commerciali. Queste schiume contengono il 52% di materiale biologico, alla fine arriveremo al 100%.

ha detto Stephen Mayfield, della divisione di scienze biologiche dell’università.

Oltre alla qualità delle schiume prodotte i ricercatori si sono concentrati anche sulla capacità di questi materiali di biodegradarsi e hanno individuato una formulazione che permette a queste di farlo dopo solo 16 settimane.

Inoltre identificati gli enzimi responsabili del degradamento in grado di depolimerizzare il materiale, gli scienziati hanno potuto isolare i prodotti depolimerizzati e utilizzarli per sintetizzare nuovi monomeri poliuretanici completando quello che hanno definito un bioloop.

Questa piena riciclabilità dei prodotti commerciali è il passo per affrontare i problemi sempre più attuali e urgenti di produzione e gestione dei rifiuti in plastica.

 

Come ricordato da Skip Pomeroy , ricercatore dell’università di San Diego e cofondatore di Algenesis, se non si farà qualcosa di efficace per ridurre i rifiuti in plastica entro il 2050 ci ritroveremo con 96 miliardi di tonnellate di plastica nelle discariche o nell’ambiente naturale.

 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Bioresource Technology Reports. La ricerca è stata una collaborazione tra la UC San Diego e la startup Algenesis Materials, una società di scienza e tecnologia dei materiali.

 

 

Scoperta la fotosintesi con cui creare idrogeno pulito
Scoperta la fotosintesi con cui creare idrogeno pulito
Biodegradare la plastica: batteri sensibili al calore ci daranno una mano
Biodegradare la plastica: batteri sensibili al calore ci daranno una mano
Coralli bionici in stampa 3D per aiutare l'ecosistema marino
Coralli bionici in stampa 3D per aiutare l'ecosistema marino
La fioritura dei sargassi dell'Oceano Atlantico: nel 2018 la più vasta mai avvenuta
La fioritura dei sargassi dell'Oceano Atlantico: nel 2018 la più vasta mai avvenuta
La fioritura dei sargassi dell'Oceano Atlantico: nel 2018 la più vasta mai avvenuta
La fioritura dei sargassi dell'Oceano Atlantico: nel 2018 la più vasta mai avvenuta