Con Apple Glass qualsiasi superficie diventerà un’interfaccia touch

63
9 mesi fa

Apple Glasses touch

Un nuovo brevetto depositato mostra come potrebbe avvenire l’interazione con i comandi touch per chi indosserà i futuri Apple Glass.

Nel brevetto, Apple affronta la modalità di interazione con l’ambiente circostante – reale e virtuale – per chi indossa occhiali da vista smart.

Quando si utilizza uno smartphone o un tablet (anche per la visualizzazione di contenuti di realtà aumentata), l’utente in genere tocca lo schermo per interagire con gli oggetti visualizzati sullo schermo. Ma quando si indossa un visore AR, lo stesso compito sarebbe difficile. Tentativi precedenti di interazione diretta con un ambiente di realtà aumentata e virtuale richiedevano hardware aggiuntivo come guanti o sensori per le dita.

All’interno della descrizione del brevetto, Apple descrive come può eseguire in modo più elegante questo compito utilizzando il rilevamento del calore a infrarossi per determinare quando un utente tocca un oggetto del mondo reale, in pratica sfruttando la diversità delle temperature.

La presente divulgazione è relativa ad un metodo e dispositivo per rilevare un tocco tra almeno parte di un primo oggetto e almeno parte di un secondo oggetto, in cui almeno la parte del primo oggetto ha una temperatura diversa rispetto almeno alla parte di il secondo oggetto. Il metodo include fornire almeno un’immagine termica di una porzione del secondo oggetto, determinando in almeno parte dell’almeno un’immagine termica uno schema che è indicativo di un particolare valore o intervallo di temperatura o un particolare valore o intervallo di temperatura cambiare e usare il modello determinato per rilevare un tocco tra almeno la parte del primo oggetto e la almeno parte del secondo oggetto.

La tecnologia descritta potrebbe quindi consentire a visori AR – come i futuri Apple Glass – di proiettare visivamente i controlli sugli oggetti del mondo reale e reagire quando vengono toccati dall’utente rilevando il trasferimento di calore quando si tocca l’oggetto. Questo renderebbe di fatto ogni superficie una interfaccia touch da utilizzare tramite realtà aumentata.

 

Per approfondire: