Linkin Park VS Donald Trump, la band blocca un tweet del presidente

77
9 mesi fa

I Linkin Park hanno chiesto e ottenuto che Twitter disabilitasse un video postato dal presidente statunitense Donald Trump.

Sotto richiesta della band alternative rock, il social ha rimosso uno spot elettorale ri-twittato dal politico repubblicano. In sottofondo alla clip era infatti illegittimamente presente il brano “In the end”, dettaglio che ha particolarmente amareggiato i musicisti.

Lividi e lapidari, i Linkin Park si sono affidati proprio a Twitter per dar voce a tutto il loro disappunto: in un post pubblicato oggi, domenica 19 luglio, sottolineano come la band non abbia alcuna intenzione di appoggiare Trump o le organizzazioni a cui si lega.

Il tweet è stato accolto con estrema ostilità, generando una “shitstorm” di commenti negativi nei quali molti utenti si dicono pronti a giurare che Chester Bennington, lead vocalist morto suicida nel 2017, sarebbe stato felice di supportare l’attuale presidente.

Inutile dire che molti dei fan repubblicani si siano detti pronti a epurare la propria playlist dai brani dei Linkin Park.

Da diversi mesi, Twitter sta portando avanti una cernita puntigliosa di tutto quello che viene pubblicato da Donald Trump. Tra bufale e istigazioni alla violenza, molti dei suoi cinguettii sono finiti nel mirino degli admin, scatenando un caso che è divenuto presto politico.

twitter trump

Non è la prima volta che l’account del presidente finisce col riproporre video che hanno infranto il copyright, si tratta anzi di un malcostume che viene sempre più frequentemente usato per giustificare l’abbattimento dei contenuti pubblicati sul suo profilo.

In senso più assoluto, Trump si è inimicato band praticamente a ogni comizio pubblico che ha tenuto. Ad averlo diffidato dall’usare i propri brani sono ormai moltissimi autori, tra cui i Queen, Pharrell Williams, i Guns N’ Roses, i R.E.M. e i The Rolling Stones.

 

Potrebbero anche interessarti:

 

 

Social Media, la Cina provoca il Giappone su Fukushima
Social Media, la Cina provoca il Giappone su Fukushima
Facebook: la Commissione rimanda la decisione su Trump
Facebook: la Commissione rimanda la decisione su Trump
Twitter cerca di capire come mai i social facciano danni
Twitter cerca di capire come mai i social facciano danni
Twitter, diplomatici cinesi hanno subito ban temporanei
Twitter, diplomatici cinesi hanno subito ban temporanei
Twitter come cavia della nuova censura russa
Twitter come cavia della nuova censura russa
Facebook bandisce anche solo la voce, di Donald Trump
Facebook bandisce anche solo la voce, di Donald Trump
Twitter vuole iniziare a usare le reazioni a emoticon
Twitter vuole iniziare a usare le reazioni a emoticon