Il ciclo delle Fondazioni di Isaac Asimov

391
2 anni fa

4 minuti

Il nuovo adattamento di Apple del capolavoro di Isaac Asimov, in arrivo nel 2021, è l’occasione per scrivere una introduzione ad uno dei cicli più famosi delle letteratura fantascientifica. Lo scopo è quello di incuriosire coloro che ne hanno sempre sentito parlare ma, per un motivo o per l’altro, non ne hanno mai cominciato la lettura.

I viaggi interstellari sono possibili da tempo grazie alla tecnologia dell'”iper-spazio”. In un “balzo” è possibile coprire istantaneamente distanze incredibili. Grazie soprattutto a questa tecnologia, la galassia è stata completamente colonizzata dalla razza umana.

Di altre forme di vita intelligente o di civiltà extraterrestri non c’è neppure l’ombra. L’Impero Galattico, ormai multimillenario, governa e tiene insieme tutti i sistemi abitati.

In questo contesto Asimov ha immaginato e ambientato i suoi racconti più famosi. Scritti tra il 1942 e il 1951, anno in cui sono stati organizzati e raccolti in tre romanzi per formare “La Trilogia della Fondazione di Isaac Asimov“.

  • Foundation” (“Fondazione”, pubblicato in Italia con il titolo “Cronache della galassia“),
  • Foundation and Empire” (“Fondazione e Impero”, pubblicato in Italia col titolo “Il crollo della galassia centrale“)
  • Second Foundation” (“Seconda Fondazione”, pubblicato in Italia col titolo “L’Altra faccia della Spirale“).

Per questa trilogia Asimov ha vinto il prestigioso Premio Hugo nel 1966.

 

 

La capitale dell’Impero, Trantor, è un pianeta d’acciaio. Tutta la superficie, e gran parte del sottosuolo, è urbanizzata e abitata. Trantor è il cuore dell’Impero e nei secoli non ha mai visto tanta prosperità e splendore.

Per questo motivo, quando un rinomato professore della sua università, l’anziano Hari Seldon, comincia a parlare di “decadenza” e “declino” dello stesso Impero Galattico, non viene ben visto, tanto da meritarsi l’appellativo di “Cassandra”.

 

Hari Seldon

 

A supporto delle sue previsioni, Seldon ha la “Psicostoria” (o “Psico-storiografia”), disciplina matematico-statistico-probabilistico-psico-sociologica, inventata e portata ai massimi livelli di sviluppo e applicazione dallo stesso Seldon e da un gruppo di scienziati guidati da lui negli ultimi decenni.

La psicostoria è lo studio del comportamento e dell’evoluzione di una o più popolazioni. Grazie a questa disciplina, è possibile prevedere con una certa precisione il loro comportamento e i cambiamenti che riguardano queste popolazioni.

E questa precisione è tanto più alta quanto più è numerosa la popolazione presa in esame. E Seldon, per non sbagliare, aveva applicato la sua disciplina alla popolazione dell’intera Galassia. Grazie a questi studi, per lui e i suoi scienziati, era stato possibile prevedere con precisione non solo il declino e la caduta dell’Impero Galattico, ma anche quello che sarebbe arrivato dopo.

La caduta, ormai inevitabile, sarebbe stata seguita da trenta millenni di interregno, caratterizzato da guerre e instabilità e anarchia. Solo dopo tutto questo sarà possibile vedere gli inizi di un nuovo “Impero Galattico”, la fine di questo interregno e il ritorno della pace e della prosperità nella Galassia.

Ma Seldon non ha intenzione di rimanere a guardare. Lui ha un piano. In realtà ne ha due: uno ufficiale e uno un po’ meno ufficiale.

Il piano ufficiale consiste nel costruire, insieme ai suoi scienziati, una Fondazione Enciclopedica.

il cui scopo sarà quello di raccogliere e immagazzinare tutta la conoscenza umana nella cosiddetta Enciclopedia Galattica, in modo che questa conoscenza non vada dispersa.

Grazie a questo, secondo il piano, dovrebbe essere possibile ridurre l’interregno a “soli” dieci secoli invece dei trecento secoli previsti, prima che un nuovo impero possa nascere e riorganizzare sotto il suo cappello i sistemi abitati.

Nei tre romanzi sono raccontati i primi secoli di questo interregno, della Fondazione e di quello che è destinata a diventare, raccontati come solo Asimov era in grado di raccontarli.  Non mancano i grandi uomini e le grandi donne, le crisi, gli imprevisti, le battaglie e i grandi misteri

 

Decenni dopo il grande successo, a furor di popolo tra il 1982 e il 1993 Asimov pubblicherà due sequel (L’Orlo della Fondazione, Fondazione e Terra) e due prequel (Preludio alla Fondazione e Fondazione Anno Zero) dove cercherà, riuscendoci purtroppo solo parzialmente, di unire il ciclo della Fondazione con gli altri due per i quali è famoso: Il Ciclo dell’Impero e soprattutto il Ciclo dei Robot, ma queste sono altre storie.

 

 

Per approfondire:

 

Sognielettrici - Festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza
Sognielettrici - Festival dell’immaginario fantastico e di fantascienza
Spoiler lovers: chi sono i consumatori di spoiler per uso personale
Spoiler lovers: chi sono i consumatori di spoiler per uso personale
Intervista a Karen Cleveland, autrice di "Solo la Verità"
Intervista a Karen Cleveland, autrice di "Solo la Verità"
Michael Whelan in mostra a Lucca
Michael Whelan in mostra a Lucca
La Biblioteca Perduta
La Biblioteca Perduta
Darth Vader: la maschera e l'uomo
Darth Vader: la maschera e l'uomo
Malleus Maleficarum, il manuale ufficiale per cacciatori di streghe
Malleus Maleficarum, il manuale ufficiale per cacciatori di streghe

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.