Polo Sud: si sta scaldando tre volte più velocemente del resto del Pianeta

54
2 anni fa

Un tempo si pensava che il Polo Sud fosse immune o quasi dal riscaldamento globale, ma una nuova ricerca invece mostra che, al contrario, si sta scaldando tre volte più velocemente del resto del Pianeta.

La temperatura dell’Antartide varia ampiamente a seconda della stagione e della regione, ma per anni si è pensato che il Polo Sud fosse miracolosamente immune dal riscaldamento globale.

Le cose purtroppo però non stanno così, ma anzi, dall’analisi con una modellizzazione computerizzata di 60 anni di dati acquisiti da stazioni meteorologiche, ricercatori in Nuova Zelanda, Gran Bretagna e Stati Uniti hanno mostrato come il clima globale sia condizionato dal riscaldamento accelerato.

L’abbassamento della pressione sul mare di Weddell è stato causa del riscaldamento del Polo Sud di 1,83 °C dal 1989.

Per via del riscaldamento del Pacifico occidentale, si è abbassata la pressione atmosferica sul mare di Weddell nell’Atlantico meridionale.

Questo fenomeno è stato la causa dell’aumento del flusso di aria calda direttamente sopra il Polo Sud, riscaldandolo di oltre 1,83 °C dal 1989.

Mentre le temperature si alzavano in tutto l’Antartide nel corso del XX secolo, il Polo Sud si stava raffreddando.

ha affermato Kyle Clem, ricercatore presso la Victoria University di Wellington e autore principale dello studio che prosegue:

si sospettava che questa parte dell’Antartide potesse essere immune dal riscaldamento. Abbiamo scoperto che non è più così.

Ha dichiarato ad AFP (Agency France Press).

I dati hanno mostrato che il Polo Sud si sta  riscaldando a una velocità di circa 0,6 °C  da un decennio, rispetto al ritmo di circa 0,2 °C che è quello di riscaldamento per il resto del pianeta.

Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, hanno attribuito il cambiamento a un fenomeno noto come Interdecadal Pacific Oscillation (IPO).

Il ciclo di IPO dura circa 15-30 anni e si alterna tra uno stato “positivo” – in cui il Pacifico tropicale è più caldo e il Pacifico settentrionale è più freddo della media – e uno stato “negativo” in cui l’anomalia della temperatura è invertita.

All’inizio del secolo l’IPO iniziò con un ciclo negativo, determinando una maggiore convezione e più estremi di pressione alle alte latitudini, portando a un forte flusso di aria più calda proprio sopra il Polo Sud.

 

 

Monte Everest: una webcam per sensibilizzare sui cambiamenti climatici
Monte Everest: una webcam per sensibilizzare sui cambiamenti climatici
Nazioni Unite: il report per distinguere greenwashing e green marketing
Nazioni Unite: il report per distinguere greenwashing e green marketing
Riscaldamento globale: Genova e Napoli sono tra le dieci città più colpite
Riscaldamento globale: Genova e Napoli sono tra le dieci città più colpite
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Ondate di calore: in Europa causeranno 90mila morti
Ondate di calore: in Europa causeranno 90mila morti
OMM: gli ultimi 8 anni sono stati i più caldi mai registrati
OMM: gli ultimi 8 anni sono stati i più caldi mai registrati
Agricoltura mondiale: il 70% è a rischio entro il 2045
Agricoltura mondiale: il 70% è a rischio entro il 2045

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.