Cotone di nuova generazione: una fibra naturale colorata senza additivi chimici

3 giorni fa

cotone

Gli scienziati hanno sviluppato un cotone di nuova generazione che cresce già colorato, una fibra naturale con le stesse proprietà di quella sintetica.

Gli scienziati del centro ricerche CSIRO in Australia hanno scoperto come coltivare del cotone colorato eliminando la necessità di coloranti chimici dannosi. Una rivoluzione nel campo dell’industria tessile e sopratutto sostenibile per l’ambiente con la creazione di un cotone di nuova generazione che oltre ad essere colorato sia resistente, biodegradabile.

Il cotone è stato scomposto geneticamente e sono stati aggiunti geni specifici per fare in modo che le fibre delle piante possano crescere in un determinato colore.

Al momento ci sono solo pezzi di tessuto vegetale che diventeranno poi delle piante di cotone di vari colori. Occorreranno diversi mesi prima che il tessuto vegetale diventi una pianta di cotone in fiore ma le premesse sono più che positive.

Si parte dal presupposto che se le foglie del cotone biotech, o meglio geneticamente modificato, sono colorate allora lo saranno anche le sue fibre principali.

Uno dei primi risultati è stato realizzato inserendo nelle piante di tabacco i geni modificati del cotone colorato e le foglie hanno prodotto delle macchie colorate: la strada intrapresa è quindi quella giusta.

 

È vero che la fibra di cotone è rinnovabile, riciclabile e biodegradabile, ma non lo è quando viene tinto con coloranti chimici.

 

I coloranti chimici sono sono dannosi per l’ambiente, e particolarmente significativo è il lavoro del team CSIRO per far crescere cotone nero naturale e sostituire i coloranti neri sono considerati i più inquinanti tra i colori tessili.

La ricerca sul cotone di prossima generazione è appena iniziata e sebbene non ci siano ancora nuovi tessuti su cui poter fare esperimenti gli scienziati hanno già gli elementi  capire quali reti genetiche sono importanti per realizzare questa fibra di cotone unica.

Gli stessi scienziati stanno anche studiando una fibra che non si stropiccia, un’altra rivoluzione che comporterà la realizzazione di abiti che non si stireranno mai più.

 

Può interessarti anche:

 

 

Aree Tematiche
Chimica Natura News Scienze
Tag
lunedì 29 giugno 2020 - 18:03
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd