Jack Ma di Alibaba non è più l’uomo più ricco della Cina, colpa di Tencent

11
2 anni fa

Stravolta la classifica dei paperoni cinesi, Jack Ma perde scettro e corona. L’avanzata di Tencent costa al fondatore di Alibaba il primo posto nella lista degli uomini più ricchi della Cina.

Tencent non si ferma, il colosso cinese dei videogiochi mobile ha superato l’Alibaba Group Holding Ltd. Ora è l’azienda è la più quotata dell’intero mercato asiatico, mercoledì le azioni avevano toccato quota 500HK$.

Ottimi anche i risultati di Pinduoduo, il “Groupon della Cina”: in un anno il valore dell’azienda è più che raddoppiato.

Morale? Il fondatore di Tencent, Pony Ma, si ritrova con una ricchezza personale stimata in 50 miliardi di dollari, quanto basta per superare il patrimonio di Jack Ma (48 miliardi $). È un inedito testa a testa, e la partita sembra tutto fuorché conclusa.

Se guardiano alla top 5 degli uomini più ricchi della Cina, è davvero difficile non notare come ben quattro posizioni siano occupate da imprenditori a capo di imprese radicate nel settore tech e in particolare nel web.

Nel 2020 le azioni della Tencent hanno galoppato del 31%, mentre l’avanzata di quelle di Alibaba si è fermata a 6,9%.

Potrebbe interessarti: 

 

 

La Cina ha congelato l'approvazione di tutti i nuovi videogiochi in arrivo sul mercato
La Cina ha congelato l'approvazione di tutti i nuovi videogiochi in arrivo sul mercato
Cina: "i videogiochi sono droga elettronica", Tencent crolla in borsa
Cina: "i videogiochi sono droga elettronica", Tencent crolla in borsa
Alibaba, multa da 2,8 miliardi per pratiche monopolistiche
Alibaba, multa da 2,8 miliardi per pratiche monopolistiche
La Cina ferma un racket di cheat videoludiche
La Cina ferma un racket di cheat videoludiche
ByteDance ora vuole investire anche sui videogiochi: acquisizione da 4 miliardi di dollari
ByteDance ora vuole investire anche sui videogiochi: acquisizione da 4 miliardi di dollari
ByteDance porta in tribunale Tencent, accusandola di monopolio
ByteDance porta in tribunale Tencent, accusandola di monopolio
Taiwan, al via la censura ai servizi streaming cinesi
Taiwan, al via la censura ai servizi streaming cinesi