Sistema di navigazione BeiDou: la Cina lancia il satellite finale del sistema simile al GPS

3
23 Giugno

Il sistema di navigazione BeiDou viene ultimato con il lancio di oggi dell’ultimo satellite in orbita: oltre a confermarsi una nuova potenza spaziale, la Cina si affranca dalla dipendenza dagli Usa per quanto riguarda i sistemi di navigazione satellitare.

La Cina ha lanciato oggi dal centro di lancio satellitare Xichang nella provincia sud-occidentale del Sichuan, l’ultimo elemento per completare il suo sistema di navigazione satellitare BeiDou che emula il GPS, sistema di posizionamento globale degli Stati Uniti, segnando un ulteriore passo avanti nel progresso del paese come una grande potenza spaziale.

Il lancio del satellite a bordo di un razzo vettore Long March 3-B è stato trasmesso in diretta dalla base di lancio del satellite di Xichang, nelle montagne della Cina sudoccidentale, poco prima delle 10 del mattino. Circa mezz’ora dopo, il satellite è stato dispiegato in orbita e ha esteso i pannelli solari che lo alimentano.

 

 

Il lancio, inizialmente previsto per la scorsa settimana, era stato cancellato dopo che i controlli hanno rivelato problemi tecnici non specificati.

La terza versione del sistema satellitare di navigazione Beidou promette di fornire una copertura globale per i tempi e la navigazione, offrendo un’alternativa ai sistemi russi GLONASS e europei Galileo, nonché al GPS americano.

Il lancio del 55 ° satellite nella famiglia Beidou mostra che la spinta della Cina a fornire una copertura globale è stata “del tutto riuscita”, ha detto il capo progettista del sistema Yang Changfeng all’emittente statale CCTV.

Il programma spaziale cinese si è sviluppato rapidamente negli ultimi due decenni mentre il governo dedica grandi risorse allo sviluppo di capacità indipendenti ad alta tecnologia e persino al dominio in settori come l’elaborazione dei dati 5G.

L’attuale sistema attualmente completo, noto come BDS-3, è composto da 30 satelliti e ha iniziato a fornire servizi di navigazione nel 2018 ai paesi che prendono parte all’iniziativa tentacolare di infrastrutture “Belt and Road” della Cina, insieme ad altri, secondo l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua. Si basa in gran parte su satelliti in orbita terrestre media, ma gestisce anche sei satelliti in orbita geosincrona come quello lanciato martedì, ha detto Xinhua.

Oltre ad essere un aiuto per la navigazione, il sistema offre

comunicazione tramite messaggi brevi, potenziamento satellitare, ricerca e salvataggio internazionali, nonché posizionamento preciso dei punti.

ha affermato Xinhua. I brevi sistemi di messaggistica consentono comunicazioni lunghe fino a 1.200 caratteri cinesi, nonché la possibilità di trasmettere immagini, ha affermato.

Mentre la Cina afferma di cercare la cooperazione con altri sistemi di navigazione satellitare, Beidou potrebbe in definitiva competere con il GPS e altri allo stesso modo in cui i produttori di telefoni cellulari cinesi e altri produttori di hardware tecnicamente sofisticato hanno affrontato i loro concorrenti stranieri.

Nel 2003, la Cina è diventata il terzo paese a lanciare autonomamente una missione spaziale con equipaggio e da allora ha costruito una stazione spaziale sperimentale e ha inviato un paio di rover sulla Luna.

I piani futuri prevedono una stazione spaziale permanente perfettamente funzionante e un possibile volo con equipaggio sul nostro satellite, mentre il suo primo tentativo di inviare un rover su Marte avverrà già il mese prossimo. Se avesse successo, sarebbe l’unico altro paese oltre agli Stati Uniti a sbarcare sul pianeta più vicino alla Terra.

 

 

 

Aree Tematiche
Aeronautica Attualità News Real Life Scienze
Tag
martedì 23 giugno 2020 - 12:23
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd