Google presenta Keen, il competitor di Pinterest che punta tutto sull’IA

11 mesi fa

Google e Area 120 hanno presentato Keen, un’app sperimentale con l’ambizione di competere nello stesso segmento del più popolare Pinterest.

L’asso nella manica di Keen? L’uso massiccio dell’IA per dare un’esperienza d’uso senza pari. Area 120 è un’azienda poco nota ma non di secondaria importanza, è un incubatore di startup interno a Google che si occupa di progetti, app e servizi sperimentali.

Keen è disponibile a partire da oggi su Android e da PC.

Su Keen decidi te su cosa spendere il tuo tempo, e puoi curare i contenuti provenienti dal web e dalle persone di cui hai fiducia per renderlo possibile. Keen ti permette di curare i contenuti che ami, condividere le tue collezioni d’immagini con altre persone, e trovare nuovi contenuti sulla base di quelli che hai già salvato.

ha spiegato CJ Adams, co-fondatore di Android.

 

 

I parallelismi con Pinterest sono lampanti, la grande domanda è se c’è posto per un altro competitor nel settore. Google dalla sua ha un’esperienza nell’uso del machine learning pressoché senza pari. Basterà? Bisogna anche capire quanto Google voglia davvero puntare su questo prodotto, che peraltro è stato lanciato senza particolari strategia di marketing roboanti.

Potete curiosare su Keen e trarre da voi le vostre considerazioni visitando questo link.

 

 

Google: autenticazione a due fattori per tutti, sarà impostata di default
Google: autenticazione a due fattori per tutti, sarà impostata di default
Google: smartworking fa risparmiare al colosso oltre 1 miliardo di dollari
Google: smartworking fa risparmiare al colosso oltre 1 miliardo di dollari
Google, un 30enne acquista il dominio per 2 euro (ma dura pochi minuti)
Google, un 30enne acquista il dominio per 2 euro (ma dura pochi minuti)
Google: il fondatore di 4chan ha mollato l'azienda
Google: il fondatore di 4chan ha mollato l'azienda
Google Shopping, l'app sta per dirci addio
Google Shopping, l'app sta per dirci addio
Google, dipendenti e azionisti chiedono un cambiamento
Google, dipendenti e azionisti chiedono un cambiamento
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito
Google: il 64.82% delle ricerche termina senza un click verso un altro sito