Google Chrome potrebbe divorare meno RAM, grazie all’ultimo update di Windows

18 Giugno 2020

Google Chrome consumerà, finalmente, molta meno RAM? La possibilità c’è, e il merito va all’aggiornamento 20H1 di Windows.

Aggiornamento che ha introdotto il sistema SegmentHeap, dando agli sviluppatori maggiore controllo sul consumo di RAM delle loro applicazioni. Da sempre nota dolente per i browser, e specie per Google Chrome.

L’aggiornamento in questione è quello del 10 maggio del 2020, ma di SegmentHeap se ne è parlato poco fino ad oggi. Ad enfatizzare i benefici, in particolare per la navigazione via browser, è stata una nota comparsa su Chromium Review.

 

 

Ad oggi SegmentHeap sarebbe stato già testato dal nuovo Edge basato su Chromium, browser che avrebbe beneficiato enormemente dalla nuova possibilità: Kim Denny, N.1 del progetto, parla di un consumo di risorse ridotto del 27%.

 

SegmentHeap in passato poteva essere usato esclusivamente sulle applicazioni UWP , la grande novità è che ora viene esteso anche a quelle Win32. Le API necessarie per usare SegmentHeap sono ora a disposizione di tutti gli sviluppatori.

 

Ora ovviamente la palla passa alle aziende e ai singoli sviluppatori, ma contando che il consumo di Ram, spesso percepito come esoso e sproporzionato, è uno dei difetti imputati più spesso a Google Chrome, la community di sviluppatori si aspetta che la miglioria potrebbe arrivare nell’immediato futuro, magari già con uno dei prossimi importanti update di Chrome.

 

 

Aree Tematiche
News Tecnologie
Tag
giovedì 18 Giugno 2020 - 15:55
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd