Era oscura dell’universo: sempre più vicini a captarne il segnale

32
2 anni fa

era oscura

Dodici miliardi di anni fa finiva l’era oscura dell’universo e presto sarà possibile captarne il segnale che permetterà di trovare nuove risposte sull’origine dell’universo.

Viene definito era oscura dell’universo quel periodo in cui l’universo ancora senza stelle ha iniziato ad espandersi rendendo le interazioni tra fotoni ed elettroni sempre più rare. Difficile da osservare questo periodo, ora potrebbe uscire allo scoperto grazie ad un team internazionale di scienziati che è riuscito ad isolare ancora di più il segnale radio elettromagnetico proveniente dall’idrogeno neutro.

Per ora dell’evoluzione dell’universo siamo riusciti ad individuare due momenti fondamentali una ricavata dalla radiazione di fondo 400.000 anni dopo il Big Bang, l’altra fornita da Hubble che ha fotografato le galassie più antiche con un’età di 1.000.000.000 di anni.

Tra questi due momenti c’è un periodo ancora misterioso perché non osservabile con gli strumenti attualmente a disposizione: è l’era oscura dell’universo.

Si pensa che prima di questa era, l’universo era caldo e denso dove protoni, elettroni e fotoni si muovevano costantemente, ma quando cominciò ad espandersi le temperature diminuirono, i protoni ed elettroni si unirono per formare idrogeno neutro e le interazioni elettrone-fotone divennero rare.

 

L’era senza stelle è durata centinaia di milioni di anni durante i quali l’idrogeno neutro,  atomi di idrogeno senza carica complessiva, ha dominato il cosmo.

 

La sfida ora è quella di riuscire a captare il segnale a bassa frequenza di idrogeno neutro, a cui un team di scienziati si sta avvicinando sempre di più.

Visto che questo tipo di segnale a bassa frequenza è difficile da rilevare a causa del rumore elettromagnetico proveniente da altre fonti il team ha sviluppato metodi sempre più sofisticati per filtrarlo e avvicinarsi così sempre di più a cogliere quel segnale.

Sarebbe proprio quel segnale che potrebbe contenere informazioni sull’età oscura e sugli eventi che lo hanno concluso:

Pensiamo che le proprietà dell’universo durante questa era abbiano avuto un effetto importante sulla formazione delle prime stelle e abbiano messo in moto le caratteristiche strutturali dell’universo oggi

ha dichiarato il membro del team Miguel Morales, professore di fisica dell’Università di Washington.

 

 

Nebulose planetarie rilevate da nuove incredibili immagini di Hubble
Nebulose planetarie rilevate da nuove incredibili immagini di Hubble
ICESat-2: primi risultati della missione NASA sulla fusione delle calotte glaciali
ICESat-2: primi risultati della missione NASA sulla fusione delle calotte glaciali
"Ti ho visto online": in che modo gli indicatori di stato modellano il nostro comportamento
"Ti ho visto online": in che modo gli indicatori di stato modellano il nostro comportamento
Una cellula che funziona come un computer
Una cellula che funziona come un computer
Nuvole: come il trasporto marittimo influenza il clima
Nuvole: come il trasporto marittimo influenza il clima
Coronavirus, a Seattle gli scienziati cercano la cura con un videogioco
Coronavirus, a Seattle gli scienziati cercano la cura con un videogioco
Coronavirus, a Seattle gli scienziati cercano la cura con un videogioco
Coronavirus, a Seattle gli scienziati cercano la cura con un videogioco

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.