Metà della Terra può ancora essere salvata dai danni umani

3
15 Giugno

Non si può negare che gli uomini abbiano drasticamente modificato, sviluppato e saccheggiato gran parte del mondo naturale. Ma quanta parte della superficie della Terra rimane libera dalla nostra influenza? Potremo salvarla?

Se dovessimo mappare la Terra cercando i segni dell’impronta dell’umanità sui paesaggi, quanta parte della superficie terrestre troveremmo in cui non sia già stata costruita una città, o sia stata usata per estrarre risorse o rasa al suolo per le coltivazioni agricole?

In un nuovo studio, sono stati confrontati dati acquisiti da quattro diverse serie di osservazioni spaziali per rispondere a questa domanda.

Dal 48 al 56 % della Terra mostra una bassa influenza dell’uomo.

Ciascuno dei set di dati utilizza diversi tipi di metodologie e sistemi di classificazione, ma, in media, i ricercatori sono riusciti ad affermano che circa la metà (dal 48 al 56 %) della Terra mostra una “bassa” influenza da parte dell’uomo.

Sebbene gli usi della Terra da parte dell’uomo minaccino sempre di più gli habitat naturali rimanenti, specialmente nelle aree più calde e più inospitali, quasi metà della Terra rimane ancora senza un uso intensivo su larga scala.

Ha affermato la scienziata ambientale Erle Ellis dell’Università del Maryland-Contea di Baltimora.

Nell’immagine riportata in copertina e all’inizio del pezzo in verde sono segante le aree a basso impatto umano mentre in viola quelle che mostrano modifiche consistenze apportate dagli uomini.

Questi numeri potrebbero rincuorare molti perché mette in evidenza la vasta estensione di terre significativamente incontaminate che possono ancora essere protette tramite misure di conservazione, ma lo studio serve anche a illustrare quanta Terra sia già stata occupata e utilizzata.

Allo stato attuale, solo circa un quarto (dal 20 al 34 %) della superficie terrestre priva di ghiaccio mostra segni “molto bassi” di influenza umana, dicono i ricercatori, e le parti del pianeta che abbiamo lasciato fino a ora costituiscono alcuni dei luoghi meno abitabili della Terra.

Dalla mitigazione degli impatti dei cambiamenti climatici al riciclaggio dei nutrienti e alla fornitura di aria fresca, le terre incontaminate con ecosistemi perfettamente funzionanti svolgono un ruolo indispensabile per la nostra capacità di esistere su questo pianeta.

Gran parte delle parti a bassa e bassa influenza del pianeta sono costituite da paesaggi freddi (ad esempio foreste boreali, praterie montane e tundra) o aridi (ad esempio deserti).

scrivono gli autori nel loro articolo.

Tuttavia, i ricercatori affermano che i risultati ci danno un’indicazione forte e chiara che possiamo usare per inquadrare gli sforzi necessari per la conservazione degli habitat nel presente e nel futuro, prevenendo di sfruttare alcune aree esistenti a basso impatto e recuperando contemporaneamente aree per la conservazione in terreni che sono già stati sfruttati troppo.

Lo studio è stato condotto in occasione della Convenzione sulla diversità biologica di quest’anno in Cina, un incontro che è stato rinviato a causa della pandemia di COVID-19.

Dato che il virus SARS-CoV-2, che ha generato l’epidemia è probabilmente un patogeno zoonotico che si è diffuso sull’uomo a partire dagli animali, tutto quello che è accaduto è un ulteriore esempio di quanto siano urgenti questi problemi di conservazione.

Il rischio umano per malattie come COVID-19 potrebbe essere ridotto arrestando il commercio e la vendita di animali selvatici e riducendo al minimo l’intrusione umana in aree selvagge.

Ha affermato il ricercatore dei sistemi di informazione geografica (GIS) Andrew Jacobson del Catawba College in North Carolina.

Oltre a proteggerci dagli agenti patogeni, dobbiamo agire in fretta se vogliamo proteggere o ripristinare terre che finora sono state danneggiate da mani umane.
Solo circa il 15 % del pianeta è sotto una qualche forma di protezione ambientale, dicono i ricercatori e gli ecosistemi intatti al di fuori di quei luoghi vengono rapidamente erosi.

Se agiamo in modo rapido e deciso, c’è una finestra sottile in cui possiamo ancora conservare circa la metà della terra della Terra in uno stato relativamente intatto.

Ha concluso il biologo della conservazione e autore principale dello studio, Jason Riggio di UC Davis.

 

 

Potrebbe interessarti:

 

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
lunedì 15 giugno 2020 - 11:56
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd