Cancro del fegato: grazie agli ologrammi ablazione più rapida e sicura

15
11 mesi fa

Uno studio dimostra la fattibilità della tecnologia dell’ologramma nell’ablazione del cancro del fegato: grazie alla realtà aumentata la procedura di rimozione diventa più rapida e sicura.

I dati provenienti da uno dei primi usi clinici della realtà aumentata con strumenti tracciati elettromagneticamente mostrano che la tecnologia può aiutare i medici in modo rapido, sicuro e accurato a fornire trattamenti mirati per l’ablazione del cancro del fegato.

Lo studio non è ancora pubblicato, ma presentato come un abstract di ricerca durante una sessione virtuale dell’incontro scientifico annuale 2020 della Society of Interventional Radiology del 14 giugno.

La tecnologia offre una visione olografica tridimensionale all’interno del corpo di un paziente, consentendo ai radiologi interventisti di bruciare accuratamente i tumori per evitando organi e altri strutture critiche.

La conversione dell’imaging bidimensionale tradizionale in ologrammi tridimensionali che possiamo quindi utilizzare come guida usando la realtà aumentata ci aiuta a visualizzare meglio le strutture interne di un paziente mentre ci spostiamo verso il punto di trattamento

ha affermato Gaurav Gadodia, MD, autore principale dello studio e radiologo presso la Cleveland Clinic che continua:

mentre l’imaging convenzionale come gli ultrasuoni e la TC è sicuro, efficace e rimane lo standard di riferimento della cura, la realtà aumentata potenzialmente migliora la visualizzazione del tumore e delle strutture circostanti, aumentando la velocità di localizzazione e migliorando la sicurezza del medico che opera.

In questo studio pilota iniziale sull’uomo, la tecnologia è stata utilizzata per fornire un trattamento noto come ablazione termica percutanea su tumori solidi del fegato.

Per applicare questa tecnologia, i medici utilizzano la TC multifase per registrare i marker di coordinate posizionati sul corpo di un paziente. Questi dati di imaging vengono aggiunti a un’applicazione software che consente la segmentazione del tumore e delle strutture vicine all’interno dello spazio di coordinate contrassegnato.

Queste informazioni vengono poi immesse in un’applicazione di realtà aumentata, che utilizza la tecnologia HoloLens di Microsoft, un visore per realtà virtuale con lenti trasparenti, per proiettare un ologramma segmentato dell’anatomia del paziente direttamente sul paziente.

Utilizzando il tracciamento elettromagnetico gli strumenti, tra cui la sonda di ablazione, possono anche essere visualizzati nello spazio della realtà aumentata durante la procedura, consentendo così una vera guida olografica intraprocedurale.

Lo studio ha incluso cinque pazienti che sono stati selezionati per l’ablazione a microonde dei loro tumori al fegato. Per sicurezza durante questo studio approvato dall’IRB, il gold standard degli ultrasuoni è stato utilizzato per il processo decisionale clinico primario e la guida della sonda, con un confronto diretto con la guida olografica. A seguito dell’ablazione, sono state valutate immagini e video da ecografia post-procedurale, fascio di cono e fila multi-rivelatore CT e registrazioni di HoloLens.

In tutti e cinque i casi, la guida olografica intra-procedurale era in accordo con la guida standard basata sugli ultrasuoni. L’imaging post-procedurale ha mostrato un’adeguata ablazione del tumore e nessun paziente ha manifestato recidiva tumorale al follow-up di tre mesi.

Questa tecnica può essere utilizzata intra-proceduralmente per verificare l’accuratezza e la qualità del trattamento, nonché pre-proceduralmente per impegnarsi con il paziente nelle proprie cure.

ha affermato Charles Martin, radiologo interventista presso Cleveland Clinic, che è l’autore senior dello studio.