WhatsApp, 300 mila numeri su Google: problema risolto

2 anni fa

È di pochi giorni fa la notizia che un ricercatore informatico ha scoperto un problema relativo alla privacy su WhatsApp, legato alla funzione Click to Chat (che permette di aprire una chat tra un utente e un’azienda) che ha portato 300 mila numeri di telefono su Google. Il problema è stato risolto in queste ore.

Partiamo dall’inizio. Come già riportato nella news di un paio di giorni fa, i metadati della funzione Click to Chat di WhatsApp sono stati indicizzati in automatico dal motore di ricerca Google, numero di cellulare compreso, tramite la creazione di un URL.

L’esperto di sicurezza Athul Jayram ha scoperto che sono coinvolti ben 300 mila contatti telefonici, che ovviamente possono finire nella rete dei malintenzionati per attacchi di email spam o phishing.

WhatsApp ha quindi rimosso l’indicizzazione dai motori di ricerca del dominio “wa.me”, in modo che in futuro la situazione non si possa più ripetere. La funzione Click to Chat crea infatti una URL di questo tipo per mettere l’utente in comunicazione con un numero non salvato in rubrica: “https://wa.me/numeroditelefono”.

Come già riferito da WhatsApp, al ricercatore Athul Jayram non verrà fornita alcuna ricompensa come previsto dal programma “bug-bounty program” in quanto “il report contiene semplicemente un indice – fanno sapere dall’Ufficio Stampa di WhatsApp in Italia -, ricavato da un motore di ricerca, degli URLs che gli utenti di WhatsApp hanno deciso di rendere pubblici”.

 

Google Translate chiude definitivamente in Cina
Google Translate chiude definitivamente in Cina
La Corea del Sud apre le indagini su Google e Apple per i metodi di pagamento alternativi
La Corea del Sud apre le indagini su Google e Apple per i metodi di pagamento alternativi
Google invita Apple ad utilizzare la tecnologia RCS per i messaggi
Google invita Apple ad utilizzare la tecnologia RCS per i messaggi
Google pagherà Wikimedia per ottenere informazioni più efficientemente
Google pagherà Wikimedia per ottenere informazioni più efficientemente
Google, Microsoft e Apple collaborano per un futuro senza password
Google, Microsoft e Apple collaborano per un futuro senza password
Google e Meta sotto indagine dell'UE per degli accordi pubblicitari
Google e Meta sotto indagine dell'UE per degli accordi pubblicitari
Google e Facebook avevano un piano per "dominare in segreto il mercato"?
Google e Facebook avevano un piano per "dominare in segreto il mercato"?

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.