Immunoma: è stato sviluppato un atlante online, sarà utile per la medicina di precisione

91
2 anni fa

È stato sviluppato un atlante interattivo online dell’immunoma umano, ossia dei geni e delle proteine ​​che compongono il sistema immunitario: il database, in espansione, va dalle cellule immunitarie presenti nel sangue cordonale fino a quelle degli adulti.

Gli scienziati del SingHealth Duke-NUS Academic Medical Center (AMC) hanno sviluppato un atlante interattivo basato sul web dell’immunoma umano, ossia geni e proteine ​​che compongono il sistema immunitario.

Conosciuto come EPIC (Extended Polydimensional Immunome Characterization), l’atlante ospita un database completo e in espansione delle cellule immunitarie che presenti nel sangue cordonale fino a quelle degli adulti e può essere utilizzato dalla comunità scientifica in tutto il mondo per studiare i meccanismi dell’immunità.

Il sistema immunitario è una complessa rete di cellule e proteine ​​e protegge il corpo da infezioni e malattie. C’è sempre stato un grande interesse nello studio dell’immunoma umano e sul suo funzionamento, in quanto contiene la chiave per capire perché gli individui rispondono in modo diverso a virus, terapie e vaccini.

Le informazioni sull’immunoma umano consentiranno lo sviluppo di trattamenti più efficaci o di nuovi vaccini e terapie.

EPIC svolgerà un ruolo nel potenziare o approfondire questi studi fornendo un costrutto della mappa immunitaria e usando l’intelligenza artificiale (AI) per stratificare e analizzare set di dati, a cui gli scienziati possono accedere liberamente. Ad esempio, possono utilizzare EPIC per esplorare l’intera architettura dell’immunoma umano per diverse fasce di età o per analizzare specifici tipi di cellule particolari per la loro specialità o ricerca.

Il professor Salvatore Albani, direttore dell’Istituto di immunologia traslazionale SingHealth Duke-NUS e principale investigatore dello studio, ha dichiarato:

Lo studio dell’immunoma umano è come prendere una risonanza magnetica del corpo umano a livello cellulare: ci permette di individuare ciò che è giusto o sbagliato e cosa possiamo fare per affrontare la malattia. Speriamo che EPIC, usato come set di dati completo e strumento analitico dell’immunoma umano, sia in grado di aiutare i medici e gli scienziati a comprendere i meccanismi dell’immunità, prevedere le risposte cliniche per la precisione medicina, e persino svolgere un ruolo nell’identificazione di nuovi vaccini e terapie.

I set di dati disponibili in EPIC possono essere estratti per ottenere informazioni dettagliate e complete non solo sui singoli sottoinsiemi di cellule, ma anche sull’evoluzione dello sviluppo e della maturazione del sistema immunitario. Ciò potrebbe aiutare i medici a prendere decisioni informate sulle scelte terapeutiche più idonee e identificare nuovi obiettivi per nuove terapie che possono abbinare diversi sistemi immunitari.

EPIC potrebbe anche accelerare il processo di ricerca dei vaccini e ovviamente verrà utilizzato anche nella ricerca di un vaccino per COVID-19.

Durante lo sviluppo di vaccini, gli scienziati esaminano le firme immunitarie in grado di prevedere la reattività del corpo ai potenziali vaccini. L’EPIC può aiutare a identificare queste firme molto più rapidamente e ad accelerare il processo di sviluppo del vaccino

ha affermato lo stesso Albani.

 

 

 

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.