Come il cervello controlla il nostro linguaggio

2
10 Giugno

Come il cervello controlli il nostro linguaggio è ancora argomento di ricerca: se, da una parte, si sa che occorrono entrambi i lati del cervello, la distribuzione dei compiti tra gli emisferi sembra differente da come si sia pensato finora.

Parlare richiede entrambi i lati del cervello. Ogni emisfero assume una parte del complesso compito di formare suoni, modulare la voce e monitorare ciò che è stato detto.

Tuttavia, la distribuzione dei compiti è diversa da come si è pensato finora: lo ha scoperto un team interdisciplinare di neuroscienziati e fonetici dell’Università di Goethe Francoforte e del Centro linguistico generale di Leibn Berlino. Non è solo l’emisfero destro che analizza come parlare, ma anche l’emisfero sinistro ha un ruolo specifico nel linguaggio.

Gli scienziati hanno dimostrato che il linguaggio nasce nella parte sinistra del cervello e viene analizzato dalla parte destra. Ciò significa che quando impariamo a parlare inglese e, ad esempio, esercitiamo il suono equivalente a “th”, il lato sinistro del cervello controlla la funzione motoria di come dobbiamo articolare bocca e lingua, mentre il lato destro analizza se il il suono prodotto sia effettivamente come lo volevamo.

La divisione del lavoro segue effettivamente diversi principi, come spiega il dottor Christian Kell del Dipartimento di Neurologia dell’Università di Goethe:

Mentre la parte sinistra del cervello controlla aspetti temporali come la transizione tra i suoni del linguaggio, l’emisfero destro è responsabile del controllo dello spettro sonoro. Quando dici “mother”, ad esempio, l’emisfero sinistro controlla principalmente le transizioni dinamiche tra “th” e le vocali, mentre l’emisfero destro controlla principalmente i suoni stessi.

Il suo team, insieme alla fonetica dott.ssa Susanne Fuchs, è stato in grado di dimostrare per la prima volta questa divisione del lavoro nel controllo temporale e spettrale del linguaggio negli studi in cui gli oratori erano tenuti a parlare mentre le loro attività cerebrali venivano registrate usando la risonanza magnetica funzionale.

Una possibile spiegazione per questa divisione del lavoro tra i due lati del cervello è che l’emisfero sinistro generalmente analizza i processi veloci come la transizione tra i suoni del parlato meglio dell’emisfero destro. L’emisfero destro potrebbe essere più efficace nel controllare i processi più lenti necessari per l’analisi dello spettro sonoro.

Nell’esperimento, gli scienziati hanno fatto un test con persone destre che dovevano battere entrambe le mani al ritmo di un metronomo. In un caso dovevano farlo a ogni battito, e in un’altra solo ogni quattro battiti. Si è scoperto che la mano destra è stata più precisa durante la sequenza di colpetti rapidi e l’emisfero sinistro, che controlla il lato destro del corpo, ha mostrato una maggiore attività. Viceversa, battere con la mano sinistra funzionava meglio al ritmo più lento e si traduceva nell’emisfero destro che mostrava una maggiore attività.

Nel loro insieme, i due studi hanno creato un quadro convincente di come il comportamento complesso – funzioni motorie manuali e linguaggio – siano controllati da entrambi gli emisferi cerebrali. La parte sinistra del cervello ha una preferenza per il controllo dei processi veloci mentre la parte destra tende a controllare i processi più lenti in parallelo.

 

 

 

Aree Tematiche
Medicina News Psicologia Scienze
Tag
mercoledì 10 giugno 2020 - 15:58
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd