Energia rinnovabile dal mare: i dispositivi per ottenerla hanno un impatto minimo sulla vita marina

2
9 Giugno 2020

Un team internazionale di scienziati marini riferisce che il potenziale impatto dell’energia rinnovabile dal mare sulla vita marina è probabilmente piccolo o non rilevabile, sebbene vi siano ancora incertezze su alcune questioni.

L’energia rinnovabile dal mare potrebbe rappresentare una possibile fonte di energia alternativa dal momento che il suo impatto sulla vita marina sembra minimo.

L’impatto dei dispositivi MRE sulla vita marina è piccolo o non rilevabile. Gli scienziati marini di tutto il mondo hanno trascorso gli ultimi quattro anni a rivedere numerosi studi e altri dati sui possibili effetti ambientali dei dispositivi di energia rinnovabile marina (MRE) e hanno scoperto che il potenziale impatto sulla vita marina è probabilmente piccolo o non rilevabile.

Tuttavia, gli scienziati affermano che sussistono ancora incertezze su alcuni problemi, in quanto in tutto il mondo sono state rilevate relativamente poche distribuzioni considerevoli di dispositivi MRE in cui è possibile raccogliere dati.

Il rapporto State of the Science 2020 è stato pubblicato ieri da Ocean Energy Systems Environmental (OES) , una collaborazione nell’ambito di Ocean Energy Systems, supportata dall’Agenzia internazionale per l’energia e dedicata all’esame degli effetti ambientali dello sviluppo di MRE.

Questo documento di 300 pagine è l’analisi internazionale più completa fino a oggi sulla questione ed è stata pubblicata non a caso ieri che ricorreva la Giornata mondiale degli oceani.

Riteniamo che sia improbabile che un numero ridotto di dispositivi operativi per l’energia marina causi danni agli animali marini, compresi mammiferi marini, pesci, uccelli marini e animali bentonici, cambiare significativamente gli habitat sul fondo del mare o nell’acqua o cambiare il flusso naturale di acque o onde oceaniche

ha affermato Andrea Copping, oceanografo del Pacific Northwest National Laboratory del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti e autore principale del rapporto.

Con l’oceano che copre oltre il 70% della superficie terrestre, attingere alla sua potenza per fornire elettricità ridurrebbe l’impronta di carbonio della produzione di energia, fornirebbe stabilità di rete in aree costiere remote e potrebbe aggiungere 3 trilioni di dollari all’economia globale. Lo sviluppo di MRE dovrebbe inoltre creare nuovi posti di lavoro nelle società della catena di approvvigionamento e nelle consulenze ambientali.

Il MRE è generato da onde, maree e correnti oceaniche, gradienti di temperatura e salinità dell’oceano e dal flusso di grandi fiumi. Ad esempio, dispositivi come i convertitori di energia delle onde estraggono l’energia dalle onde oceaniche e la convertono in elettricità.

 

 

 

Aree Tematiche
Economia Ingegneria Natura News Scienze
Tag
martedì 9 Giugno 2020 - 8:47
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd