Aree protette in tutto il mondo a rischio di specie invasive

3
8 Giugno 2020

Specie invasive in tutto il mondo mettono a rischio le aree protette: è il caso del visone americano di questa foto trovato in 1.251 aree protette come il Cairngorms National Park nel Regno Unito.

Le aree protette in tutto il mondo cercano di tenere a bada le specie invasive, ma la maggior parte di esse è a rischio di invasioni, secondo uno studio condotto dall’Accademia cinese delle scienze e pubblicata su Nature Communications.

Il visone americano, per esempio, è stato trovato in 1.251 aree protette come il Cairngorms National Park nel Regno Unito, dove è stata scattata questa foto.

Esiste, per ogni area protetta, una specie animale invasiva che vive a meno di 10 km e che si adatta bene all’ambiente dell’area protetta.

Il co-autore, il professor Tim Blackburn (UCL Genetics, Evolution & Environment e Institute of Zoology, ZSL) ha dichiarato:

Uno dei modi più dannosi in cui le persone hanno un impatto sull’ambiente naturale è attraverso l’introduzione di “alieni” ossia specie che non abiterebbero naturalmente in un’area, ma sono stati portati lì da attività umane.

Queste specie infatti possono uccidere o competere con specie autoctone o distruggere interi habitat.

Le invasioni di specie aliene sono considerate come uno dei primi cinque fattori diretti nella perdita globale della biodiversità e gli alieni si stanno affermando in nuove aree a tassi sempre crescenti.

 

Trachemys scripta, una tartaruga semiaquatica trovata in 164 aree protette come le riserve naturali di Singapore (come mostrato nella foto). Credito: Professor Tim Blackburn, UCL

 

I ricercatori hanno studiato 894 specie animali terrestri (inclusi mammiferi, uccelli, rettili e invertebrati) che sono noti per aver stabilito popolazioni aliene da qualche parte nel mondo.

Hanno quindi valutato se queste specie si fossero insediate all’interno o in prossimità dei confini di 199.957 aree protette in tutto il mondo, come definito dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), comprese le aree selvagge, i parchi nazionali e i monumenti o le caratteristiche naturali.

Il team ha scoperto che meno del 10% delle aree protette ospita attualmente una delle specie invasive esaminate, suggerendo che le aree protette sono generalmente efficaci nella protezione dalle specie invasive.

Attualmente le aree protette funzionano bene nel confinare le specie aliene, ma sono potenzialmente a rischio.

Ma quasi tutte queste aree potrebbero essere a rischio di invasione, in quanto una specie invasiva è stata trovata entro 100 km dai confini del 99% delle aree protette. Per l’89% delle aree protette, c’era una specie aliena residente entro 10 km dai confini.

Oltre il 95% delle aree protette sono state ritenute idonee per l’ambiente per lo stabilimento di almeno alcune delle specie esotiche oggetto di indagine.

I ricercatori hanno anche studiato fattori comuni tra le aree protette che ospitano già specie aliene. Hanno scoperto che le aree protette tendono ad avere più specie animali aliene se hanno un indice di impronta umana più grande, a causa di fattori come collegamenti di trasporto e grandi popolazioni umane nelle vicinanze.

 

Fagiano dal collo ad anello (Phasianus colchicus) trovato in 4.822 aree protette tra cui siti del Regno Unito come Minsmere (dove è stata scattata questa foto). Credito: Professor Tim Blackburn, UCL

I ricercatori hanno anche scoperto che le aree protette più grandi e più recentemente istituite tendono ad avere più specie aliene. Le aree protette più vecchie tendono ad essere in aree più remote, quindi sono meno esposte agli impatti umani.

I risultati non suggeriscono che la ricca biodiversità esistente nelle aree protette funga da barriera alle invasioni, poiché hanno trovato prove contrastanti sulle relazioni tra la biodiversità nativa esistente e la presenza di specie invasive.

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
lunedì 8 Giugno 2020 - 14:33
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd