Google evidenzia (in giallo) i risultati delle ricerche all’interno dei siti

29
11 mesi fa

Google, sempre nell’ottica di semplificare e rendere più fruibile e veloce la ricerca delle informazioni, ha lanciato il rollout di una nuova funzione che “catapulta” l’utente direttamente nel cuore di ciò che sta cercando, evidenziandolo in giallo direttamente nel sito web preso come fonte.

Al momento la funzione non è ancora disponibile per tutti: si tratta di una distribuzione graduale confermata in queste ore dall’account Google Search su Twitter.

Ma come funziona? Come riporta The Verge – che è già riuscita ad accedere alla nuova feature – dopo aver cercato su Google “iphone release date theverge” viene mostrato, in alto (i cosiddetti Featured Snippet che offrono risposte ad una ricerca evitando all’utente di visitare un sito web), un riquadro con la risposta reputata migliore da bigG. E fin qui, niente di nuovo.

Come potete vedere dalle immagini sotto, selezionando il primo risultato (il Featured Snippet, appunto), si viene indirizzati al sito di origine. Cliccare sullo snippet porta quindi alla pagina web da cui sono estratte le informazioni, come prima, ma ora questo si apre direttamente sul passaggio specifico relativo a ciò che è statp richiesto nella query, il tutto evidenziato in giallo.

Ci facciamo aiutare dalle immagini di The Verge. Qui sotto un esempio di normale ricerca (“iphone release date theverge”), che dà con uno snippet in primo piano come risultato:

Ecco cosa succede cliccando sopra lo snippet:

Secondo i ragazzi di The Verge, la nuova feature non sembra funzionare sempre e su tutte le configurazioni: è attiva su Chrome per desktop e Safari su smartphone, ma non funziona, ad esempio, su Edge o Safari per desktop. E, in effetti, stando alla pagina di supporto Google la funzionalità potrebbe essere limitata in base al supporto dei singoli browser.

Questa novità rende alcune ricerche – le cui informazioni sono magari nascoste all’interno di lunghissimi muri di testo – molto più veloci, e non obbligano l’utente a scorrere o leggere tutto il testo per trovare ciò che gli interessa. Perfetto sia per gli internauti più svogliati che per quelli che devono fare molte ricerche durante la giornata.

La novità potrebbe però avere un impatto sul mercato degli annunci: con lo scorrimento di una pagina direttamente alla parte pertinente alla query, alcuni annunci potrebbero perdere di efficacia, ad esempio quelli posizionati più alto, tradizionalmente ritenuti i migliori. Probabilmente alcuni siti dovranno rivedere la posizione dei loro banner in funzione di questa novità.

 

Mighty è un browser in abbonamento da 30$ al mese (e forse li vale)
Mighty è un browser in abbonamento da 30$ al mese (e forse li vale)
Google, un 30enne acquista il dominio per 2 euro (ma dura pochi minuti)
Google, un 30enne acquista il dominio per 2 euro (ma dura pochi minuti)
Google: il fondatore di 4chan ha mollato l'azienda
Google: il fondatore di 4chan ha mollato l'azienda
Google Shopping, l'app sta per dirci addio
Google Shopping, l'app sta per dirci addio
Google Chrome mette i sottotitoli a video e audio con Live Caption
Google Chrome mette i sottotitoli a video e audio con Live Caption
Google Maps permetterà di tracciare le strade mancanti
Google Maps permetterà di tracciare le strade mancanti
Google Chrome dice addio ai PC antecedenti al 2005
Google Chrome dice addio ai PC antecedenti al 2005