Tempesta tropicale Cristobal: il terzo ciclone tropicale sotto osservazione dalla NASA

1 anno fa

La tempesta tropicale Cristobal è nata dalle ceneri della depressione tropicale Amanda che ha portato pesanti alluvioni nell’America centrale, in particolare nello stato di El Salvador e sta acquistando energia sul golfo del Messico.

Cristobal è la terza depressione dall’inizio della stagione atlantica e sta portando precipitazioni torrenziali sul Messico meridionale soprattutto nella Penisola dello Yucatan con punte di 400-500mm.

Il terzo ciclone tropicale del bacino dell’Oceano Atlantico ha generato grandi quantità di precipitazioni sullo Yucatan del Messico e in alcune parti dell’America centrale. Utilizzando i dati satellitari, la NASA ha analizzato le forti piogge e ha fornito ai meteorologi dati preziosi sulla temperatura massima della tempesta che aiuteranno a valutarne la forza.

Cristobal resterà piuttosto stazionario nell’arco dei prossimi giorni e ciò fa ritenere probabile che si rafforzi ulteriormente grazie alle calde acque del golfo del Messico.

Non c’è ancora un’allerta uragano ma il centro nazionale di previsione degli uragani la sta costantemente monitorando.

All’inizio della prossima settimana Cristobal potrebbe attraversare tutto il golfo del Messico e puntare verso la costa meridionale degli USA, in particolare la Louisiana, impattando su New Orleans.

La missione Global Precipitation Measurement o il satellite GPM hanno dato uno sguardo alle percentuali di precipitazioni di Cristobal il 3 giugno alle 0311 UTC (2 giugno alle 23:11 EDT). GPM ha riscontrato le precipitazioni più intense a sud del centro sulla penisola dello Yucatan in Messico, con cadute di oltre 25 mm all’ora. Tassi di pioggia più leggeri compaiono su tutto il sistema.

Un altro modo in cui la NASA analizza i cicloni tropicali è utilizzando i dati a infrarossi che forniscono informazioni sulla temperatura. Lo spettroradiometro per immagini a risoluzione moderata o lo strumento MODIS a bordo del satellite Aqua della NASA ha fornito dati sulle temperature massime di Cristobal.

Questi dati forniscono informazioni ai meteorologi informazioni su dove si trovano le tempeste più forti all’interno di un ciclone tropicale. I cicloni tropicali non hanno sempre una forza uniforme e alcuni lati sono più forti di altri. Più forti sono le tempeste, più si estendono nella troposfera e più fredde sono le temperature massime delle nuvole.

Il 3 giugno alle 4:20 di sera EDT (0820 UTC) il satellite Aqua della NASA ha analizzato la tempesta tropicale Cristobal usando lo strumento MODIS e ha trovato le temperature più alte delle nuvole più fredde come più fredde o più fredde meno 80 gradi Fahrenheit (meno 62,2 gradi Celsius). Una vasta area delle tempeste più forti si trovava sopra la penisola dello Yucatan e lungo la costa della baia di Campeche. La ricerca della NASA ha dimostrato che le temperature massime delle nuvole che raffreddano indicano forti tempeste che hanno la capacità di creare forti piogge.

 

 

Tempesta tropicale Cristobal al 3 giugno 2020

Il National Hurricane Center ha rilevato il 3 giugno alle 8:00 EDT (1200 UTC), che il centro della tempesta tropicale Cristobal era situato a 40 km a nord-ovest di Ciudad Del Carmen, in Messico.

Cristobal si stava muovendo verso sud-est vicino a 6 km / h e si prevede che si rivolga verso est più tardi nel corso della giornata. I venti massimi sostenuti erano di circa 95 km/h con raffiche più elevate.

Si prevede un progressivo indebolimento mentre finché il centro rimarrà nell’entroterra, ma si prevede poi un rafforzamento quando Cristobal tornerà sull’acqua giovedì sera e venerdì [5 giugno].

Per rimanere aggiornati con le previsioni: http://www.nhc.noaa.gov

 

 

 

Tempesta di sabbia del Sahara analizzata dal satellite Suomi NPP della NASA-NOAA
Tempesta di sabbia del Sahara analizzata dal satellite Suomi NPP della NASA-NOAA
Sardegna e Corsica a testa in giù: la spettacolare foto della NASA
Sardegna e Corsica a testa in giù: la spettacolare foto della NASA
Monitoraggio della CO2 nel mondo grazie agli aerei
Monitoraggio della CO2 nel mondo grazie agli aerei
ICESat-2: primi risultati della missione NASA sulla fusione delle calotte glaciali
ICESat-2: primi risultati della missione NASA sulla fusione delle calotte glaciali
Giornata della Terra: una storia lunga cinquant'anni
Giornata della Terra: una storia lunga cinquant'anni
Earth Day 2020: NASA la celebra con meravigliosi poster scaricabili
Earth Day 2020: NASA la celebra con meravigliosi poster scaricabili
L'uragano Dorian visto dallo spazio
L'uragano Dorian visto dallo spazio