Galassie a spirale: lo studio dei loro pattern suggerisce che la struttura dell’universo non sia casuale

25
1 anno fa

4 minuti

Dallo studio dei pattern delle galassie a spirale si osserva che la struttura dell’universo non è totalmente casuale come solitamente si ipotizza quando si studia la distribuzione degli oggetti celesti.

L’Universo non sembra proprio essere un miscuglio senza struttura di oggetti spaziali, ma ci sono ancora molte cose che non sappiamo su come e perché siano messe nel modo in cui sono messe.

Sappiamo che tutto è collegato da una sorta di vasta rete filamentosa, ma tendiamo a operare supponendo che la distribuzione delle galassie tra questi filamenti sia in qualche modo casuale.

In altre parole, se si sceglie una zona di cielo, gli scienziati in genere pensano che le direzioni di rotazione di tutte le galassie in quella zona saranno distribuite più o meno uniformemente.

Bene, risulta che tale ipotesi potrebbe essere errata.

L’astronomo computazionale Lior Shamir della Kansas State University ha condotto un sondaggio su 200.000 galassie e ha scoperto che la distribuzione della direzione di rotazione forma uno schema non del tutto casuale.

In effetti, quel modello può essere adattato a un allineamento quadrupolo con una probabilità molto più alta di quella che si avrebbe ipotizzando totale casualità,  suggerendo che l’Universo primordiale nel suo insieme avrebbe potuto ruotare come una galassia gigante.

Shamir ha presentato il suo documento, che è ancora un pre-print, al 236 ° incontro dell’American Astronomical Society.

I dati di Cosmic Microwave Background (CMB) mostrano anche l’evidenza di una possibile polarizzazione su scala cosmologica e sono stati adattati all’allineamento quadrupolo. Queste osservazioni hanno portato a teorie che si spostano dai modelli cosmologici standard

scrive Shamir nel suo articolo che continua

Poiché gli schemi di rotazione di una galassia visibili dalla Terra sono anche un’indicazione della direzione di rotazione effettiva della galassia, i modelli su larga scala nella distribuzione delle direzioni di rotazione possono essere un’indicazione di un universo rotante.

Le galassie a spirale sono relativamente ordinate e ben definite, con una forma a disco piatto, bracci a spirale e rotazione che possiamo misurare in base all’effetto Doppler che si osserva sulla luce emessa dai lati del disco.

Le galassie possono ruotare in senso orario e antiorario. Se l’Universo è isotropo o uniforme in tutte le direzioni, come descritto dal principio cosmologico, dovrebbe esserci una distribuzione abbastanza uniforme della rotazione delle galassie nei due sensi.

Ma quando Shamir ha condotto il suo censimento utilizzando i dati ottenuti dallo Sloan Digital Sky Survey (SDSS) e dal Panoramic Survey Telescope and Rapid Response System (Pan-STARRS), ha trovato qualcosa di molto singolare.

La divisione identificata era più vicina a 51-49, con la maggior parte delle galassie in rotazione in senso orario piuttosto che in senso antiorario.

Potrebbe sembrare una piccola differenza, ma secondo Shamir, la probabilità di tale asimmetria in un universo isotropico è almeno una su 1 miliardo.

Ha anche scoperto che l’asimmetria stessa non è distribuita uniformemente. Più vicino alla Terra, il divario si chiude e la distribuzione delle galassie è più uniforme, ma più lontano nell’Universo, l’asimmetria è più pronunciata.

 

 

 

Shamir ritiene che questi risultati potrebbero suggerire che l’Universo primordiale fosse meno caotico di quanto lo sia oggi e che la sua coerenza stia diminuendo nel tempo.

Le differenze nell’asimmetria tra le diverse parti dell’Universo sono coerenti con un modello quadrupolo, ovvero immaginando che l’Universo non ruotasse attorno a un singolo asse, ma a quattro assi in un allineamento complesso.

Il quadrupolo trovato nel fondo cosmico a microonde – la debole radiazione rimasta dal Big Bang che soffre l’Universo – è stato chiamato “anomalia”, “problema” e “Asse del Male”.

Poiché lo sfondo delle microonde cosmiche è così debole, è possibile che il segnale sia stato contaminato dalla luce molto più luminosa dell’Universo attuale.

Tuttavia, la rotazione delle galassie è piuttosto facile da misurare, quindi la ricerca di Shamir suggerisce che l’anomalia del quadrupolo del fondo a microonde cosmico potrebbe essere un problema ancora più spinoso di quanto pensassero i cosmologi.

Non vi sono errori o contaminazioni che potrebbero manifestarsi attraverso schemi così unici, complessi e coerenti. Abbiamo due diversi rilievi del cielo che mostrano gli stessi identici schemi, anche quando le galassie sono completamente diverse. Non vi è alcun errore che può portare a questo. Questo è l’Universo in cui viviamo. Questa è la nostra casa.

conclude Shamir.

 

 

Potrebbe interessarti:

 

 

Il Big Bang
Il Big Bang
La Materia
La Materia
Anelli di Einstein: Hubble cattura l'anello più grande mai visto prima
Anelli di Einstein: Hubble cattura l'anello più grande mai visto prima
TXS 0128+554: la galassia che ricorda un TIE Fighter
TXS 0128+554: la galassia che ricorda un TIE Fighter
Universo in espansione: realizzata la più grande mappa in 3D
Universo in espansione: realizzata la più grande mappa in 3D
Knife Edge: il telescopio spaziale Hubble cattura il bordo della galassia NGC 5907
Knife Edge: il telescopio spaziale Hubble cattura il bordo della galassia NGC 5907
Astrofotografia: fulmini che sembrano provenire da una lontana galassia
Astrofotografia: fulmini che sembrano provenire da una lontana galassia