Ecco dove si trova l’aria più pulita del mondo

3
2 Giugno 2020

È stata identificata l’aria più pulita della Terra in uno studio unico nel suo genere: si trova nell’Oceano Antartico in una regione che sembra non essere influenzata dalle attività legate all’uomo.

La professoressa Sonia Kreidenweis della Colorado State University e il suo gruppo di ricerca hanno identificato una regione atmosferica che ha l’aria più pulita della Terra.

Sembra non essere influenzata dalle attività legate all’uomo: si tratta dell’aria presente nello strato limite che alimenta le nuvole inferiori sull’Oceano Antartico è incontaminata, priva delle particelle prodotte da attività antropiche o trasportate da terre lontane.

I risultati sono pubblicati in Proceedings of National Academy of Sciences.

Il tempo e il clima sono processi complessi che collegano tra loro ogni parte del nostro Pianeta e con il cambiamento climatico rapido, causato dell’attività umana, è difficile trovare aree o processi sulla Terra completamente incontaminati.

Kreidenweis e il suo team sospettavano che l’aria direttamente sopra il remoto Oceano Meridionale che circonda l’Antartide fosse meno colpita dall’uomo e dalla polvere proveniente dai continenti. Partirono così per scoprire se la loro intuizione era esatta.

Siamo stati in grado di utilizzare i batteri presenti nell’aria sull’Oceano Antartico come strumento diagnostico per inferire le proprietà chiave della bassa atmosfera

ha affermato il ricercatore Thomas Hill, coautore dello studio che continua

Ad esempio, che gli aerosol che controllano le proprietà delle nuvole sono fortemente legati ai processi biologici oceanici e l’Antartide sembra essere isolata dalla dispersione verso sud di microrganismi e dalla deposizione di nutrienti dai continenti meridionali. Complessivamente, questo è uno dei pochissimi luoghi sulla Terra che sono stati minimamente colpiti da attività antropogeniche.

I campioni sono stati raccolti durante la campagna sul campo SOCRATES, finanziata dall’NSF, guidata dallo scienziato e coautore Paul DeMott.

Kathryn Moore ha campionato l’aria nello strato di confine marino, la parte inferiore dell’atmosfera che ha un contatto diretto con l’oceano, a bordo del Research Vessel Investigator mentre si dirigeva a sud dalla Tasmania fino al bordo del ghiaccio dell’Antartico.

Il ricercatore e primo autore Jun Uetake ha esaminato la composizione dei microbi presenti nell’aria catturati dalla nave. L’atmosfera è piena di questi microrganismi dispersi per centinaia di migliaia di chilometri dal vento.

Usando il sequenziamento del DNA, il monitoraggio della sorgente e le traiettorie del vento, Uetake ha determinato che le origini dei microbi erano marine, provenienti dall’oceano. Anche la composizione batterica era differenziata in ampie zone latitudinali, suggerendo che gli aerosol provenienti da masse terrestri distanti e le attività umane, come l’inquinamento o le emissioni del suolo guidate dal cambiamento dell’uso del suolo, non stavano viaggiando verso sud nell’aria antartica.

Questi risultati sono in contrasto con tutti gli altri studi sugli oceani nei subtropici e nell’emisfero settentrionale, che hanno scoperto che la maggior parte dei microbi proveniva dai continenti controvento. Le piante e il suolo sono fonti importanti di particelle che innescano il congelamento di goccioline di nuvole super raffreddate, note come particelle di ghiaccio nucleante. Questo processo riduce la riflettività delle nuvole e migliora le precipitazioni, aumentando la quantità di luce solare che raggiunge la superficie e alterando l’equilibrio radiativo della Terra.

Sopra l’Oceano Antartico, le emissioni di spruzzi marini dominano il materiale disponibile per formare goccioline di nuvole liquide. Le concentrazioni di particelle di ghiaccio-nucleante, rare nell’acqua di mare, sono le più basse registrate ovunque sul pianeta.

L’aria sull’Oceano Antartico era così pulita che c’era pochissimo DNA con cui lavorare. Hill ha attribuito la qualità dei loro risultati al processo di laboratorio pulito di Uetake e Moore.

Jun e Kathryn, in ogni fase, hanno trattato i campioni come oggetti preziosi, prestando particolare attenzione e usando la migliori tecniche per prevenire la contaminazione da DNA batterico in laboratorio e nei reagenti

ha concluso Hill.

 

 

 

 

Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
martedì 2 Giugno 2020 - 15:35
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd