Fossile di Ittiosauro incinta di 246 milioni di anni fa

146
1 anno fa

4 minuti

Non è la prima volta che si trova un fossile di Ittiosauro incinta, ma l’ultimo scoperto in Nevada è il secondo esemplare in gravidanza più antico mai trovato e di una specie che non era mai stata identificata prima.

Sono passati addirittura otto anni dalla scoperta, ma solo il mese scorso Martin Sander, paleontologo tedesco di lunga esperienza, ha pubblicato i risultati dell’Ittiosauro fossile e incinta scoperto nel nord del Nevada nel sito di scavo nelle montagne di Augusta, 241 chilometri a est di Reno.

La spedizione nel nord del Nevada si stava concludendo quando Martin Sander diede un’ultima occhiata al sito di scavo nelle montagne di Augusta, 150 miglia (241 chilometri) ad est di Reno.

Il trucco è che devi sapere cosa stai cercando

ha detto Sander, che ha fatto questa scoperta proprio durante un’ultima passeggiata da lui descritta come un “girovagare nel campo”.

A un’affioramento di circa 1.828 metri di altitudine, individuò i resti fossili di una colonna vertebrale di ittiosauro. Inoltre, c’erano prove che il grande rettile preistorico fosse incinta quando morì.

L’ho trovato e ho capito abbastanza rapidamente quello che stavo guardando

ha detto Sander.

L’ittiosauro è il secondo esemplare in gravidanza più antico mai trovato e di una specie che non era mai stata identificata prima.

La cosa più notevole è che si tratta di uno dei due principali reperti di ittiosauri nella posizione nei Monti Augusta.

È un posto incredibile e ci sono nuove cose che escono continuamente

ha detto Sander

Un’ulteriore scoperta non ancora pubblicata in una rivista accademica di cui riferisce lo stesso Sander riguarda un fossile di Ittiosauro che definisce “il cranio gigante”.

Mentre il documento che descrive i dettagli del fossile del cranio gigante non è ancora stato pubblicato, Sander afferma che i risultati sono, beh, grandi.

È la prima cosa grande che è vissuta su questa terra

ha detto della bestia, che aveva un teschio così grande ricercatori hanno dovuto prendere in prestito un camion della birra per portarlo via.

Sebbene “il cranio gigante” possa rivelarsi la più significativa delle due recenti scoperte, Sander afferma che c’è molto da festeggiare sugli ittiosauri in gravidanza soprannominati “Martina” dagli scienziati.

Per cominciare, Martina, che ha 246 milioni di anni, è il secondo esemplare più antico di un ittiosauro in gravidanza. Il più antico è un campione cinese di 249 milioni di anni.

Martina è anche una specie di ittiosauro, Cymbospondylus duelferi, che non è stata trovata da nessun’altra parte, secondo la ricerca di Sander.

I ricercatori lo sanno perché le revisioni della letteratura che facevano parte del rapporto scientifico hanno mostrato che Martina aveva caratteristiche non trovate in nessun altro fossile di ittiosauro.

L’ittiosauro scoperto è più piccolo dei precedenti, ma ha denti più grandi

Di lunghezza di circa 3,6 metri era più piccola di altri ittiosauri, alcuni dei quali arrivavano a 18 metri. Nonostante il suo corpo più piccolo, i denti di Martina erano più grandi del previsto per un ittiosauro di dimensioni simili.

I denti, lunghi circa un centimetro, l’avrebbero aiutata a strappare prede come calamari o pesci che si trovavano nel mare che copriva quella che oggi è il Nevada.

Era una femmina piuttosto feroce

ha detto Sander, confrontandola con un campione molto più grande trovato in un’altra gamma del Nevada.

Ha la metà della taglia ma i suoi denti sono grandi quasi quanto quelli più grandi della gamma Humboldt.

Gli esemplari, entrambi del primo periodo triassico, mostrano quanto velocemente la vita si è evoluta in seguito all’evento di estinzione Permiano-Triassico.

L’evento di estinzione, che si ritiene abbia spazzato via fino al 96% delle specie, è avvenuto 252 milioni di anni fa.

Che gli ittiosauri avessero tante diverse dimensioni solo pochi milioni di anni dopo, suggerisce che gli animali si sono evoluti abbastanza rapidamente.

Uno degli adattamenti dei rettili, come dimostra Martina, è che si sarebbero evoluti nella modalità di riproduzione che è passata dalla deposizione delle uova alla nascita con parto, il che sarebbe stato un vantaggio nel loro trasferimento in mare, come ha affermato Sander.

Lo ha paragonato al vantaggio che una balena o un delfino ha su una tartaruga marina: quest’ultima infatti è esposta, insieme alla prole, al pericolo di dover lasciare l’acqua per deporre le uova sulla riva.