Nuove specie bizzarre scoperte… su Twitter

16 Maggio

C’è chi ama usare i social per guardare video di gattini o farsi venire l’acquolina in bocca gustando con gli occhi deliziosi dessert. E poi ci sono ricercatori del Museo di Storia Naturale di Copenaghen che scoprono tramite Twitter nuove specie.

Ana Sofia Reboleira biologa e professoressa del Museo Nazionale di Storia Naturale di Copenaghen stava guardando Twitter. Scorrendo le foto rimase colpita da un millepiedi nordamericano condiviso dal suo collega Derek Hennen della Virginia Tech. Grazie al suo occhio esperto in particolare individuò alcuni piccoli punti sul suo corpo.

Ho potuto vedere qualcosa che assomigliava a funghi sulla superficie del millepiedi. Fino ad allora, questi funghi non erano mai stati trovati sui esemplari americani. Quindi, sono andata dal mio collega e gli ho mostrato l’immagine. Molto emozionati scendemmo di corsa verso le collezioni del museo e abbiamo iniziato a cercare.

racconta Ana Sofia Reboleira.

Insieme alla collega Henrik Enghoff, ha scoperto diversi esemplari dello stesso fungo su alcuni dei millepiedi americani nell’enorme collezione del Museo di storia naturale – funghi che non erano mai stati documentati prima. Ciò ha confermato l’esistenza di una specie precedentemente sconosciuta di Laboulbeniales, minuscoli, bizzarri e in gran parte sconosciuti funghi parassiti che attaccano insetti e millepiedi.

Il nuovo fungo parassita si chiama Troglomyces twitteri.

Al fungo parassita appena scoperto è stato ora dato il suo nome latino ufficiale: Troglomyces twitteri.

Ana Sofia Reboleira sottolinea che la scoperta è un esempio di come la condivisione di informazioni sui social media può portare a risultati completamente inaspettati:

Per quanto ne sappiamo, questa è la prima volta che una nuova specie viene scoperta grazie a Twitter. Questo evento sottolinea l’importanza di piattaforme social per condividere la ricerca e quindi essere in grado di ottenere nuovi risultati. Spero che possa motivare i professionisti e ricercatori dilettanti a condividere più dati tramite i social media. Questo aspetto è ancora più evidente durante la crisi indotta dal nuovo coronavirus, poiché a molti è impedito uscire in campo o entrare nei laboratori.

 

 

 

Silvia De Stefano

Silvia De Stefano a.k.a. silviads

Laureata in Fisica, dottorata in Scienze dei Materiali. Mi sono occupata per quasi 10 anni di ricerca scientifica nell'ambito della biofisica. Attualmente insegno fisica e matematica nella scuola secondaria superiore e collaboro con la casa editrice De Agostini per la realizzazione di libri di testo. Ho un master in Giornalismo Scientifico e Comunicazione Istituzionale della Scienza conseguito all'Università di Ferrara. Sono stata per otto anni vice presidente di Scientificast, blog e primo podcast indipendente scientifico in Italia. Sono multitasking di natura: non mi sono mai occupata di sola scienza, anche se, forse per deformazione mentale, la vedo un po' in tutto quello che ho intorno. Amo il mare, il cake design e tutte le persone con mentalità aperta e che non si arrendono davanti alle difficoltà.
Aree Tematiche
Natura News Scienze
Tag
sabato 16 maggio 2020 - 18:45
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd