Generazione touch-screen: è capace a leggere le espressioni facciali?

3
8 Maggio 2020

I bambini di oggi, la generazione touch-screen, cresciuta con la tecnologia mobile dalla nascita, sono meno capaci a leggere le emozioni e nel raccogliere informazioni dai volti delle persone rispetto ai bambini che non sono cresciuti con tablet e smartphone?

L’infanzia e la prima infanzia sono fasi critiche dello sviluppo durante le quali i bambini imparano a interpretare importanti segnali non verbali come espressioni facciali, tono della voce e gesti. Tradizionalmente, ciò avviene attraverso la comunicazione diretta faccia a faccia.

Ma con l’onnipresente uso di tablet e altri dispositivi, che oggi è diffuso anche tra i più piccoli oltre che negli adulti, i bambini e ragazzi hanno perso la capacità di capire questi segnali?

Per rispondere a questa domanda è stato condotto uno studio che ha testato la capacità di identificare correttamente le emozioni nelle fotografie e nei video in oltre 50 alunni che hanno frequentato la prima media nel 2012 o nel 2017 della stessa scuola pubblica della California del sud.

Gli psicologi hanno scoperto che gli alunni che frequentavano la prima media nel 2017 hanno risposto identificato correttamente le emozioni nelle fotografie e hanno fatto un numero significativamente inferiore di errori rispetto agli studenti del 2012. Inoltre, gli studenti del 2017 sono stati migliori nell’identificare le emozioni in una serie di video, ma solo leggermente meglio, una differenza che i ricercatori hanno affermato non essere statisticamente significativa.

In un momento in cui così tante persone stanno comunicando attraverso gli schermi, spero che le nostre scoperte diano ai genitori un po’ di tranquillità almeno sul fatto che i bambini sembrano essere in grado di imparare a leggere segnali sociali nelle foto.

ha detto l’autrice principale Yalda T. Uhls, professoressa associata di psicologia e fondatrice e direttorice esecutiva del Center for Scholars and Storytellers con sede in UCLA.

Si può a buon ragione chiamare generazione touch-screen quella di oggi che usa sempre più dispositivi touch per comunicare con foto e video.

Nel 2018, il 69% degli adolescenti ha riferito di aver utilizzato Snapchat e il 72% Instagram.

Nel 2018, ad esempio, il 69% degli adolescenti ha riferito di aver utilizzato Snapchat e il 72% Instagram, i quali incorporano immagini e messaggi di testo, ha affermato la ricercatrice Uhls.

Uno studio del 2017 con 500 partecipanti ha rilevato che quasi la metà dei bambini di età compresa tra 6 e 12 anni utilizzava regolarmente un’app o un sito Web di social media, con il 29% di quelli di età compresa tra 6 e 8 anni che utilizzava Snapchat. Un altro studio, dal 2016, ha scoperto che il 50% dei bambini aveva un account sui social media prima dei 12 anni, con l’11% che addirittura otteneva il proprio account prima dei 10 anni.

Anche la comunicazione basata sul testo può trasmettere emozioni attraverso l’uso di maiuscole, emoticon e ripetizioni.

Forse i nostri partecipanti del 2017 hanno avuto più opportunità di vedere, comunicare e apprendere emozioni non verbali espresse in fotografie di volti rispetto a quelle del 2012 a causa del tempo trascorso a scattare e rivedere foto di se stessi e degli altri

ha affermato la psicologa che raccomanda vivamente che le famiglie facciano conversazioni faccia a faccia attorno al tavolo da pranzo e in altri momenti della giornata. Incoraggia anche i genitori a riporre i loro dispositivi quando parlano con altre persone, in particolare i loro figli.

Ha osservato che mentre i partecipanti al 2017 hanno migliorato la loro capacità di leggere segnali emotivi nelle foto, non è certa che questa capacità si trasferisca alla loro capacità di valutare le emozioni di persona, o, almeno, è quello che ipotizza.

La tecnologia è in continua evoluzione e mi aspetto che i ricercatori cercheranno di capire come una maggiore esposizione a immagini, video, chat dal vivo, giochi, realtà virtuale e altre piattaforme emergenti per la comunicazione abbiano un impatto sui nostri giovani.

ha affermato Uhls.

Anche i bambini di 18 mesi possono imparare dalla chat video, ha detto, mentre il tempo passato dalla generazione touch-screen sugli schermi non sembra influire sulle abilità sociali dei bambini.

 

 

Aree Tematiche
News Psicologia Scienze
Tag
venerdì 8 maggio 2020 - 19:13
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd