Buco nero a soli 1000 anni luce dalla Terra: può essere visto “a occhio nudo”

394
11 mesi fa

Il buco nero a soli 1000 anni luce dalla Terra e scoperto da astronomi dell’European Southern Observatory (ESO) e di altri istituti fa parte di un sistema triplo che può essere visto a occhio nudo.

Un team di astronomi dell’European Southern Observatory (ESO) e di altri istituti ha scoperto un buco nero a soli 1000 anni luce dalla Terra.

Il buco nero è il più vicino al nostro Sistema Solare mai osservato finora e fa parte di un sistema triplo che può essere visto ad occhio nudo. Il team lo ha scovato rintracciando le sue due stelle compagne. È stato usato il telescopio MPG / ESO da 2,2 metri all’Osservatorio ESO di La Silla in Cile. Si pensa che questo sistema possa essere solo la “punta dell’iceberg”: molti altri buchi neri simili potrebbero essere trovati in futuro.

Siamo rimasti totalmente sorpresi quando ci siamo resi conto che questo è il primo sistema stellare con un buco nero che può essere visto ad occhio nudo

ha affermato Petr Hadrava, scienziato emerito dell’Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga e coautore della ricerca. Situato nella costellazione del Telescopio, il sistema è così vicino a noi che le sue stelle possono essere viste dall’emisfero sud in una notte buia e chiara senza binocoli o telescopio.

Il team inizialmente si era interessato a questo sistema, chiamato HR 6819, come parte di uno studio sui sistemi a doppia stella. Tuttavia, durante l’analisi delle osservazioni, gli scienziati sono rimasti sbalorditi nel rivelare un terzo corpo precedentemente non scoperto in HR 6819: un buco nero. Le osservazioni con lo spettrografo FEROS sul telescopio MPG / ESO da 2,2 metri a La Silla hanno mostrato che una delle due stelle visibili orbita attorno a un oggetto invisibile ogni 40 giorni, mentre la seconda stella è a grande distanza da questa coppia interna.

Come spesso accade nella scienza, le più grandi scoperte possono avvenire per caso, ma se non si cerca non si troverà mai nulla.

 

 

La Luna ha una sua scia, anche se solitamente non la notiamo
La Luna ha una sua scia, anche se solitamente non la notiamo
Segnale dallo spazio: potrebbe essere stato rilevato un primo segnale da un esopianeta
Segnale dallo spazio: potrebbe essere stato rilevato un primo segnale da un esopianeta
Ryugu: aperta la capsula e fatti i primi esami visivi dei campioni
Ryugu: aperta la capsula e fatti i primi esami visivi dei campioni
Orionidi: per questa notte atteso il picco delle stelle cadenti di ottobre
Orionidi: per questa notte atteso il picco delle stelle cadenti di ottobre
Pianeti diamante, nuovi studi: niente di simile nel sistema solare e altamente inospitali
Pianeti diamante, nuovi studi: niente di simile nel sistema solare e altamente inospitali
TXS 0128+554: la galassia che ricorda un TIE Fighter
TXS 0128+554: la galassia che ricorda un TIE Fighter
Pianeta Nove: un nuovo metodo per determinare la sua vera natura
Pianeta Nove: un nuovo metodo per determinare la sua vera natura