Planetary computer: Microsoft dalla parte del pianeta

17 Aprile

Microsoft annuncia il Planetary computer, piattaforma basata sull’intelligenza artificiale, per aggregare e analizzare i dati ambientali provenienti da tutto il mondo con lo scopo della tutela e salvaguardia dell’ambiente.

A meno di una settimana dalla prossima Giornata della Terra, che ricorrerà il 22 aprile, Microsoft ha svelato una piattaforma basata sull’intelligenza artificiale, chiamata Planetary Computer, che serve ad aggregare e analizzare i dati ambientali provenienti da tutto il mondo.

Lo scopo è aiutare governi, organizzazioni e aziende nello sviluppo e implementazione di progetti in grado di promuovere la sostenibilità e la tutela dell’ambiente.

Il Planetary Computer è basato su Azure ed è sostanzialmente il prossimo passo dell’iniziativa AI For Earth inaugurata nell’estate del 2017 con un investimento pari a 50 milioni di dollari. La piattaforma, dice Microsoft

fornirà l’accesso a migliaia di miliardi di data point raccolti da persone e macchine nel cielo, nello Spazio, a terra, sotto terra e nell’acqua

come la densità degli alberi, la morfologia del terreno, dettagli sulle precipitazioni e molto altro. Chiunque avrà la possibilità di consultarli in modo semplice, facendo ricerche per area geografica e per termini comuni. L’intelligenza artificiale sarà in grado di elaborare automaticamente i dati e fornire previsioni, interpretazioni e chiavi di lettura che altrimenti potrebbero passare inosservate.

L’impegno di Microsoft nel nome della sostenibilità era stato ribadito anche all’inizio dell’anno con un altro annuncio di prospettiva: l’azienda punta entro il 2030 a diventare carbon negative ovvero in grado di smaltire più emissioni rispetto a quante ne genera durante la propria attività. Un ennesimo step nel percorso di svolta green che, fortunatamente, nel corso degli ultimi anni ha visto impegnate un po’ tutte le realtà del mondo tecnologico.

 

 

 

Silvia De Stefano

Silvia De Stefano a.k.a. silviads

Laureata in Fisica, dottorata in Scienze dei Materiali. Mi sono occupata per quasi 10 anni di ricerca scientifica nell'ambito della biofisica. Attualmente insegno fisica e matematica nella scuola secondaria superiore e collaboro con la casa editrice De Agostini per la realizzazione di libri di testo. Ho un master in Giornalismo Scientifico e Comunicazione Istituzionale della Scienza conseguito all'Università di Ferrara. Sono stata per otto anni vice presidente di Scientificast, blog e primo podcast indipendente scientifico in Italia. Sono multitasking di natura: non mi sono mai occupata di sola scienza, anche se, forse per deformazione mentale, la vedo un po' in tutto quello che ho intorno. Amo il mare, il cake design e tutte le persone con mentalità aperta e che non si arrendono davanti alle difficoltà.
Aree Tematiche
Intelligenza Artificiale Natura News Scienze Software Tecnologie
Tag
venerdì 17 aprile 2020 - 8:38
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd