BepiColombo: l’ultimo scatto alla Terra prima del suo viaggio verso Mercurio

22
3 anni fa

BepiColombo

La sonda BepiColombo ha effettuato ieri il suo primo flyby con tanto di foto ricordo attorno alla Terra prima di proseguire il suo viaggio verso Mercurio.

La missione BepiColombo lanciata in orbita il 20 ottobre 2018 nasce come osservatorio del pianeta Mercurio. Quello di ieri è stato il primo e il più importante flyby dei nove previsti: attraverso l’effetto fionda gravitazionale BepiColombo arriverà a stabilizzarsi attorno al pianeta per capire la sua formazione e le condizioni limite che potrebbero essere favorevoli alla vita.

In questo primo flyby, o passaggio ravvicinato, BepiColombo si è avvicinato alla Terra a 12.700 km di distanza diventando visibile anche attraverso i telescopi. Il suo viaggio in totale durerà ben sette anni con l’obiettivo di raggiungere Mercurio nel 2025.

La missione BepiColombo nasce dalla collaborazione tra l’Agenzia Spaziale Europea, ESA, e l’Agenzia Spaziale Giapponese, Jaxa. Il modulo contiene due sonde realizzate rispettivamente dalle due agenzie e la strumentazione a bordo vede anche la firma italiana in particolare grazie al supporto dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e al contributo scientifico dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) sono stati realizzati 4 degli 11 esperimenti a bordo.

Le due sonde si attiveranno una volta che il modulo si sarà posizionato attorno all’orbita di Mercurio e analizzeranno i dati del pianeta per cercare di individuare gli elementi che lo caratterizzano per poter verificare i modelli di formazione ed evoluzione dei pianeti all’interno del nostro Sistema Solare.

In particolare l’ambizioso progetto prevede, come riportato dal sito dell’ASI:

  • di studiare l’origine, l’evoluzione e il moto di un pianeta che orbita vicino alla propria stella,
  • di analizzarne le caratteristiche: forma, struttura, composizione superficiale e struttura interna,
  • di investigare le proprietà dell’esosfera e le sue dinamiche di interazione,
  • di individuare l’origine del campo magnetico e le caratteristiche della magnetosfera,
  • di validare le previsioni della teoria della relatività generale di Einstein.

Per arrivare fino al pianeta Mercurio il modulo sfrutterà quello che viene chiamato effetto fionda gravitazionale. Grazie a voli ravvicinati, i cosiddetti flyby, è possibile utilizzare le traiettorie tangenti i pianeti sfruttando la loro attrazione gravitazionale permettendo alla sonda spaziale di ricevere una spinta sufficiente per proseguire il viaggio all’interno del Sistema Solare.

Con la spinta giusta in fase di lancio, la sonda può raggiungere più velocemente la sua destinazione finale con il minimo utilizzo di carburante.

L’intuizione nello sfruttare le forze gravitazionali dei pianeti venne al matematico e ingegnere padovano Giuseppe Colombo, detto Bepi a cui ESA ha dedicato la missione, che studiò le orbite di Mercurio.

Questo primo e fondamentale passaggio ravvicinato è il primo dei nove voli ravvicinati previsti prima di raggiungere l’orbita ottimale: ce ne saranno 2 con Venere e poi 6 con Mercurio.

 

 

 

La foto con l’immagine della Terra è stata scattata alle 5:33 del 10 Aprile 2020 da una delle camere di BepiColombo ad una distanza di 19000 km.

 

 

Può interessarti anche:

 

 

Samantha Cristoforetti: #Astrosamantha per la seconda volta in viaggio verso la ISS
Samantha Cristoforetti: #Astrosamantha per la seconda volta in viaggio verso la ISS
ESA, l'agenzia spaziale europea cerca nuovi astronauti per la prima volta dal 2008
ESA, l'agenzia spaziale europea cerca nuovi astronauti per la prima volta dal 2008
Hayabusa 2: il ritorno della capsula giapponese come e quando vederlo
Hayabusa 2: il ritorno della capsula giapponese come e quando vederlo
Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza
Crew-1: la missione rimandata, questa sera la teleconferenza
Memorandum of Cooperation: ASI e JAXA rinnovano l'accordo di cooperazione
Memorandum of Cooperation: ASI e JAXA rinnovano l'accordo di cooperazione
Vega: il lancio è stato posticipato al 21 giugno per maltempo
Vega: il lancio è stato posticipato al 21 giugno per maltempo
CHEOPS si preparara al lancio
CHEOPS si preparara al lancio

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.