Ciclone Harold: devastate le isole Salomone, Vanuatu, Fiji e Tonga

36
3 anni fa

4 minuti

Il ciclone Harold ha devastato le isole del Pacifico. Dopo aver provocato 27 vittime sulle Isole Salomone e distrutto Vanuatu e Fiji è stata anche la volta di Tonga nella giornata di ieri. Vediamo cosa sta succedendo ora.

Questa la situazione del Ciclone Harold “twittata” circa mezz’ora fa dalla NASA.

Tutto è cominciato lo scorso lunedì 6 aprile. Il ciclone Harold è stato identificato da uno dei satelliti della NASA in grado di misurare l’intensità delle piogge nelle tempeste tropicali. Il ciclone si è sviluppato su Vanuatu nell’Oceano Pacifico meridionale. All’inizio i tassi più alti erano nella fascia della pioggia a sud-est dell’occhio che arrivavano fino a 48 mm all’ora.
La genesi del ciclone tropicale Harold è da ricercare in un sistema a bassa pressione che è stato osservato a est della Papua Nuova Guinea la scorsa settimana.

La storia del ciclone Harold è perfettamente riassunta da questa animazione NASA:

 

 

Si possono osservare le forti precipitazioni associate al ciclone tropicale Harold mentre avanza dalle Isole Salomone (in alto a sinistra) il 2 aprile 2020, si intensifica in modo esplosivo il 3 aprile, raggiunge Vanuatu (al centro) come una tempesta di categoria 4 il 5 aprile. Da lì il 6 aprile raggiunge per un tempo limitato addirittura la categoria 5 e passa a sud delle Figi (centro destra). Il 7 aprile torna ad essere classificato come tempesta di categoria 4.

La regione centrale di Harold ha prodotto tassi di precipitazione superiori a 30 millimetri all’ora. Le stime delle precipitazioni in questa animazione provengono dall’algoritmo multi-satellite IMERG sviluppato dalla NASA ed eseguito quasi in tempo reale.

Dopo aver provocato 27 vittime sulle Isole Salomone e devastazioni su Vanuatu e Fiji è stata anche la volta di Tonga nella giornata di ieri. Qui il ciclone tropicale Harold si è presentato di categoria 4 con venti di oltre 260 km/h devastando e riducendo in macerie almeno tre località turistiche a nord della capitale Nukualofa, causando inoltre numerosi black out.

A complicare la situazione sulle isole del Pacifico ci si è messa la pandemia COVID-19, che ha ostacolato le operazioni di soccorso, con Vanuatu riluttante ad aprire i suoi confini internazionali in quanto cerca di rimanere uno dei pochi paesi senza alcun caso confermato di Coronavirus.

Oggi l’immagine dallo spettroradiometro dello strumento MODIS che vola a bordo del satellite Terra della NASA ha mostrato che il ciclone Harold che si è allungato a causa del forte vento da nord-ovest. Il taglio del vento ha spinto la maggior parte delle nuvole e della convezione a sud-est del centro come si vede nella foto sottostante.

La convezione tranciata e la forma complessiva indicano che il sistema sta subendo una transizione extra-tropicale.

Immagine del 10 aprile del ciclone Harold catturata dallo strumento MODIS a bordo di un satellite della NASA. Credit: NASA Worldview, Earth Observing System Data and Information System (EOSDIS).

I cicloni tropicali sono come cilindri rotanti composti da strati di venti. Ogni livello deve essere impilato sopra l’altro in verticale in modo che la tempesta mantenga forza o la intensifichi.

Il taglio del vento si verifica quando i venti ai diversi livelli dell’atmosfera spingono contro il cilindro rotante, indebolendo la rotazione e spingendola a diversi livelli.

Una tempesta extra-tropicale è più debole di quella tropicale

Quando una tempesta diventa extra-tropicale, significa che un ciclone tropicale ha perso le sue caratteristiche “tropicali”.

Il National Hurricane Center definisce “extra-tropicale” una transizione che implica sia lo spostamento polare del ciclone (il che significa che si sposta verso il polo nord o sud) sia la conversione della fonte di energia primaria del ciclone dal rilascio di calore latente di condensa a processi baroclinici (il contrasto di temperatura tra masse d’aria calda e fredda).

È importante notare che i cicloni possono diventare extra-tropicali e trattenere comunque venti di uragano o forza di tempesta tropicale.

In ogni caso il Joint Typhoon Warning Center (JTWC) ha emesso l’avvertimento finale su questo sistema il 9 aprile. Harold ha ormai definitivamente abbandonato anche Tonga e sta proseguendo la sua corsa verso sudest finalmente indebolito a tempesta tropicale agendo in mare aperto. Nelle prossime ore perderà ulteriormente energia e si dissiperà definitivamente uscendo di scena.

La tempesta, per fortuna, non è più una minaccia per le aree terrestri.

 

 

I dati satellitari mostrano una grave siccità in Europa
I dati satellitari mostrano una grave siccità in Europa
Polimeropolis: la città galleggiante nell'Oceano Pacifico
Polimeropolis: la città galleggiante nell'Oceano Pacifico
La coppia di buchi neri più vicina alla collisione
La coppia di buchi neri più vicina alla collisione
Il COVID modifica la risposta dell'organismo ad altre minacce? Dipende dal sesso
Il COVID modifica la risposta dell'organismo ad altre minacce? Dipende dal sesso
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Innalzamento dei mari: i villaggi delle Fiji si spostano
Farmaci anticovid: possono presentare un rischio per la vita marina?
Farmaci anticovid: possono presentare un rischio per la vita marina?
Satelliti per salvare la natura, questa l'idea dell'Australia
Satelliti per salvare la natura, questa l'idea dell'Australia